L’aceto di mele fa dimagrire? Ecco la risposta della scienza

L’aceto di mele viene molto utilizzato in cucina anche perché è un ingrediente fondamentale che può trovare spazio in numerose ricette. Per esempio con questo sidro di mele invecchiato si possono preparare e mettere a punto anche dei condimenti molto gustosi per le insalate.

Ma c’è di più, perché comunemente si crede che l’aceto di mele possa contribuire a far perdere peso. Alcuni sostengono tra l’altro che questo ingrediente, utilizzato regolarmente nelle ricette, non soltanto può contribuire a far dimagrire, ma migliori anche la salute a livello metabolico. Vediamo che cosa dice la scienza a questo proposito.

Perché l’aceto di mele farebbe dimagrire

Da parte della scienza c’è stata una certa apertura nei confronti di questa ipotesi, secondo la quale l’uso dell’aceto di mele farebbe dimagrire. Infatti bere questo liquido dopo aver consumato un pasto potrebbe ridurre di un po’ l’aumento di glucosio nel sangue.

Insomma, potremmo dire che da un certo punto di vista possa essere considerato una verità il fatto che dopo aver mangiato con l’aceto di mele non aumenta la glicemia. Il nostro corpo così non è indotto a produrre molta insulina.

E sarebbe questa la chiave della possibilità del dimagrimento, perché, quando c’è meno insulina in circolo, il corpo può avere la possibilità di scomporre più facilmente le sostanze grasse e non tende ad immagazzinarle.

Insomma, sostanzialmente l’aceto di mele migliorerebbe la sensibilità all’insulina e quindi si ha meno possibilità di accumulare grasso sulla pancia.

Che cosa afferma la scienza sull’aceto di mele

Ma queste teorie, anche se suffragate da diversi studi, sono veramente corrispondenti a ciò che direbbe la scienza? In effetti qualche prova c’è a questo proposito, perché per esempio è stato fatto di recente uno studio che ha coinvolto 39 persone.

Leggi anche: Questo frutto ti aiuterebbe a controllare la glicemia alta

Questi volontari hanno condotto una dieta a basso contenuto di carboidrati e, avendo consumato anche aceto di mele subito dopo aver mangiato, si è visto che hanno perso qualche chilo in più rispetto a coloro che invece avevano seguito soltanto una dieta ipocalorica, ma non avevano assunto la bevanda.

Naturalmente questo non vuol dire che si tratta soltanto di una specie di rimedio di sorta completamente efficace. Infatti per riuscire a dimagrire bisognerebbe sempre seguire i consigli di un nutrizionista preparato.

Leggi anche: Bere tè nero può aumentare l’aspettativa di vita: la conferma della scienza

La cosa migliore, quando si vogliono perdere i chili in più che si sono accumulati, è quella di rivolgersi al proprio medico di fiducia, che, tenendo conto del nostro stato di salute generale, può consigliarci al meglio.