Piero Angela, l’amore per la Divina. A Li Galli sulle tracce di Nureyev

Con Piero Angela nel blu di Positano. Incipit di un viaggio lungo 27 anni. Era il 1995 quando il celebre divulgatore scientifico approcciava la Costiera Amalfitana con l’amore di un turista e l’anima da viandante.

Scomparso alla veneranda età di 93 anni, Piero Angela è stato da sempre un amante della Costa d’Amalfi. In particolare di Positano. Ciliegina sulla torta di un’anima frastagliata che dà il fianco al Tirreno. Il divulgatore ha lasciato la sua impronta culturale anche nella Città Verticale. Nel lontano 2006 ha aperto la quattordicesima edizione della longeva rassegna “Mare Sole e Cultura”. Luogo mitico dove la magia e l’incredibile si incontrano per dar vita a una bellezza unica ed eterna. A Positano Angela presentò la fatica letteraria “Ti amerò per sempre – La scienza dell’ amore” sulla Spiaggia Grande.

Al giornalista Antonio Tricomi – laRepubblica – Angela nel 2006 confessò: “Non è la prima volta che partecipo a “Mare sole e cultura”, ma dire habituée è forse un po’ troppo. Certo che qui è tutto bellissimo, verrebbe la pena di fermarsi un po’ più a lungo di quanto non mi concedano i miei impegni. In quest’ occasione, accompagnato dal promotore della rassegna Enzo D’ Elia, ho fatto per la prima volta un giro in barca intorno all’ isola Li Galli, appartenuta al grande ballerino Rudolph Nureyev, alla ricerca delle tracce della sua presenza».

Il suo interesse era sicuramente rivolto anche al “Premio Danza” – la moglie è ballerina di danza classica – manifestazione alla soglia dei 50 anni.

Chi era Piero Angela: carriera, età, moglie, lauree e curiosità

Piero Angela nacque a Torino il 22 Dicembre 1928. Il suo esordio come giornalista arriva nel 1952 quando viene assunto in Rai e lavora come cronista del Giornale Radio.

Il passaggio in televisione è quasi automatico e arriva 2 anni più tardi. Dal 1955 al 1968 è stato corrispondente del Telegiornale, da Parigi e da Bruxelles.

Con Andrea Barbato condusse la prima edizione del Telegiornale Nazionale e fu così che nel 1976 divenne il primo conduttore del Tg2.

E’ stato uno dei fondatori, nel 1989, del Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, del quale è stato anche presidente.

Può vantare il Dottorato, Honoris Causa, in ben nove discipline diverse, conferito da vari Atenei italiani.

Nella sua carriera ha condotto tantissimi programmi televisivi tra i quali si ricordano più di tutti Super Quark e Ulisse – Il piacere della scoperta in onda dal 2000. Piero Angela mostrò un presunto autoritratto inedito di Leonardo da Vinci, da lui scoperto nel Codice del volo, in collaborazione con il Professor Carlo Pedretti.

Cittadino onorario di Torino dal 2017, è stato insignito nel 2002 della medaglia d’oro ai benemeriti della cultura e dell’arte.

Per quanto concerne la sua vita privata, Piero Angela è stato sposato con Margherita  Pastore con la quale ha avute due figli: Christine e Alberto.