Inaugurata la statua di Maradona, a un anno dalla scomparsa del Pibe de Oro

Un anno fa ci lasciava Diego Armando Maradona. Ad un anno dalla sua scomparsa arriva la statua in suo onore commissionata dal Comune di Napoli.

È il 25 novembre 2020. In un pomeriggio come tanti, in Italia e nel resto del mondo arriva la tragica notizia: Maradona è morto.
A lasciarci è stato un calciatore, pietra miliare del mondo calcistico nazionale e e internazionale, ma anche un pezzo della nostra cultura.

Lo piangono tifosi e non, i suoi colleghi, grandi e piccoli. La sua Napoli, città che lo ha accolto, è in ginocchio. Non esistono più le squadre e le rivalità, tutti si riuniscono intorno al dolore per un tassello di storia che è andato via, lasciando però una traccia indelebile.

In occasione del primo anniversario dalla sua dipartita, è stata esposta una statua in suo onore al piazzale che porta al settore dei Distinti, all’interno dello stadio calcistico che è stato ribattezzato proprio col suo nome.

Il monumento, ad opera dell’artista scultore Domenico Sepe, è stata commissionato dal Comune di Napoli. La statua resterà esposta fino alle ore 22 di questa sera, in attesa di essere collocata in maniera definitiva presso l’impianto di Fuorigrotta.

Oltre ad inaugurare l’opera scultorea, il Comune di Napoli, rappresentato dalle figure di Emanuela Ferrante, assessore allo sport, Edoardo Cosenza, assessore della Mobilità e Antonio De Iesu, assessore della Legalità, ha deciso di rendere un ulteriore omaggio con una composizione floreale che raffigura il leggendario numero 10.

L’evento commemorativo in onore di Maradona ha visto presenti in prima linea suo figlio, Diego Armando Maradona Junior, Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, e alcuni suoi ex compagni di squadra, tra cui Giordano, Carannante e Renica.

Si è deciso di onorare così la memoria del il fuoriclasse di origine argentina, che con il suo numero 10 sulla maglietta ha fatto sognare intere generazioni.