Quella del 6 Gennaio è una giornata particolarmente sentita ad Amalfi, così come, in generale, un po’ in tutta la Divina Costiera.

A differenza che altrove, infatti, i riti e le tradizioni sia religiose che civili, legate all’Epifania, sono rimasti ancora particolarmente onorati da tutta la popolazione.

Altrove, invece, questa festività, sia per quanto concerne l’aspetto religioso che quello più strettamente “consumistico” è, infatti, sempre meno partecipata.

Si concludono, infatti, le feste di Natale, ma con una grande partecipazione e con un cartellone ricco di eventi e folklore.

I riti dell’Epifania ad Amalfi seguono, infatti, un apparato tradizionale ben scadenzato, così come accaduto sinora per i riti legati ai giorni più significativi del periodo natalizio.

Alle 11.30, infatti, si terrà il tradizionale corteo dei pastorelli accompagnati dagli zampognari.

Partendo dalla Valle dei Mulini, bambini vestiti come i pastorelli del presepe attraversano la città fino a piazza Municipio, accompagnati dalle classiche nenie natalizie intonate dalla zampogna.

Alle 16.30, invece, torna a rallegrare le strade la “Banda del Capodanno Folk Amalfitano”, che ha riscosso ancora una volta un grande successo.

Anche per l’Epifania partirà da via delle Cartiere ed attraverserà tutto il centro storico.

Alle 18.30 c’è la Santa Messa Pontificale nella Cattedrale di Sant’Andrea: il tempo di Natale terminerà, poi, con il Battesimo di Gesù, domenica 8.

Articolo successivo

Il meteo per il weekend dell’Epifania in Costa d’Amalfi