Costiera a tavola: Scialatielli con salsiccia, pomodorini del piennolo e caciotta di Tramonti

La settimana, dopo il riposo del lunedì imposto dall’indomani dell’abbuffata domenicale, inizia con una nuova e allettante proposta gastronomica. Anche stavolta a base di pasta a mano. Ovvero la più celebre delle paste fresche: gli scialatielli inventati proprio in Costiera Amalfitana, ad opera negli anni Ottanta dello chef Enrico Cosentino, e diventati in cucina un vero e proprio must.

Tant’è che oggi gli scialatielli sono diventati un formato della grande distribuzione. Anche se non c’è nulla di meglio di quelli fatti in casa semplici e veloci come sono nella loro preparazione.

Oggi ve li proponiamo in una variante assai gustosa e cioè con con salsiccia locale, pomodorini del piennolo di Furore e caciotta di Tramonti

Per non dimenticare: venerdì Ravello ricorda i suoi caduti nelle due guerre mondiali

Venerdì 26 gennaio all'Auditorium Oscar Niemeyer di Ravello sarà presentato il volume "L'albo d'oro dei caduti di Ravello" di Antonio Schiano di Cola in...

Ingredienti per pasta

300 gr Farina 00
120 gr Latte fresco intero
1 uovo
50 gr Parmigiano
4 foglie basilico tritate
1 cucchiaino di olio evo
1 spicchio di aglio tritato
Sale q.b.
Pepe q.b.
Farina di semola

Ingredienti condimento

300 gr Salsiccia locale a punta di coltello
300 gr Pomodorini del piennolo del Vesuvio
1 bicchiere di vino bianco
1 spicchio di aglio
4 cucchiai di olio evo
8 foglie di basilico
Caciotta stagionata di Tramonti

Procedimento scialatielli

Disporre sul piano di lavoro la farina a fontana. Al centro aggiungere tutti gli ingredienti e iniziare a lavorare con le mani fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Fare riposare a temperatura ambiente per un’ora l’impasto avvolto nella pellicola. Dopodiché con l’aiuto di un mattarello o di una stendipasta rendere l’impasto a sfoglie spesse circa un centimetro e larghe quattro dita. Spolverare le sfoglie con la semola e tagliarle a listarelle.

Procedimento condimento

In una padella mettere l’olio e l’aglio tritato. Soffriggere e aggiungere la salsiccia sbriciolata. Rosolare e bagnare con vino bianco. Una volta che il vino è evaporato unire i pomodorini tagliati a metà, un pizzico di sale coprire con un coperchio e cuocere a fuoco basso per dieci/ quindici minuti. Bollire gli scialatielli in abbondante acqua salata per 12 minuti, scolarli e saltarli nel condimento con basilico e abbondante caciotta grattugiata. Impiattare decorando con altra caciotta e foglie di basilico.

Ricetta a cura di Giuliano Donatantonio, chef del Pineta 1903 di Maiori e componente dell’Alleanza dei Cuochi Slow Food Italia.