Scala, il ristorante Zi ‘Ntonio compie 60 anni

Basta il nome Zi ‘Ntonio, per riandare subito indietro con la memoria, sulle tracce di un tempo più antico, familiare, fuori dai circuiti turistici convenzionali dei nostri giorni.

Siamo negli anni ’60 e con esattezza era il 22 luglio 1961, il nonno Antonio Ferrigno lavorava come vigile urbano e Scala è assolutamente ignorata come meta turistica della Costiera Amalfitana, in quanto è così riposta, riservata, nascosta dalle sue montagne.

Dinnanzi a ben altre perle che la Costiera può vantare come Amalfi, Ravello, Positano, il nonno Antonio non demorde e nel suo cuore continua a coltivare le sue passioni: Scala e la Cucina.Si anche la cucina, infatti si racconta che quando era prigioniero di guerra in Africa, il generale Rommel, lo scelse come suo cuoco personale.

San Pantaleone: vita e martirologio del Santo del 27 luglio

Oggi 27 Luglio è il giorno della festa in onore di San Pantaleone. Conosciuto in tutto il mondo, in Italia sono dedicate a lui tantissime chiese...

Addirittura Alcide De Gasperi, in visita un giorno a Ravello, fu invitato a Scala dove, in assenza ancora di un ristorante, fu ospite nella casa paterna di Zi ‘Ntonio, spacciata in anticipo, per la trattoria, aperta soltanto più tardi.

Come si può ben comprendere, queste due forti passioni lo indussero a tentare l’impresa: aprire un piccolo ristorante in Via Torricella, il ristorante Zi ‘Ntonio, appunto, come affettuosamente lui veniva chiamato dai suoi concittadini.

Una scommessa quella del nonno basata soprattutto sulla bellezza diversa del suo paesino, Scala, la cui economia fina quel momento, si basava solo su agricoltura e pastorizia.
Inizialmente il ristorante ha soltanto una sala da pranzo e un terrazzo con vista su Ravello, la strada per arrivarci è sterrata.

Dopo 3 anni si aggiungono 5 camere, tutte con bagno privato, dove un giorno di pensione costa 1.800 lire. Via via il ristorante diviene una piccola azienda familiare, nella quale lavorano la nonna Lucia, i figli Lorenzo, Marinella e Michele oltre ai nipoti e altri componenti della famiglia, sino a prendere l’attuale configurazione: un piccolo albergo di tre stelle.

Tra gli ospiti illustri del passato: Anita Eckberg, Alberto Lupo, lo scrittore Domenico Rea. Più di recente vi hanno soggiornato e pranzato: Katia ricciarelli, Michele Placido, Patrizio Rispo, Ilenia Lazzarin, l’attore americano Woody Harrelson con la sua famiglia ed il giornalista Giulio Borrelli.

La passione per Scala è stata trasmessa, nel tempo, dal capostipite a figli e nipoti, in particolare al compianto Lorenzo Ferrigno, brillante primo cittadino negli anni ’90 scomparso all’età di 47 anni ma che tanto ha dato per il suo paese e per il suo Albergo- Ristorante.

Oggi la struttura è gestita dai figli Antonio e Lucia per quanto riguarda il ristorante e dai nipoti Stefano, Marco, Antonio e Giuseppe per la parte alberghiera.

Infine non possiamo dimenticare altri due pilastri del Ristorante Zi ‘Ntonio, la nonna Lucia che solo pochi mesi fa ha compiuto 100 anni ed ancora oggi riesce a darci forza per andare avanti, e la nostra condottiera che per anni ha diretto la cucina con passione e perizia senza mai far mancare nulla a nessuno, la “chef” Zia Maria dalla quale abbiamo imparato la maggior parte dei piatti che ancora oggi potete assaporare qui da noi.
Una cucina genuina, atta a valorizzare specialmente i prodotti locali e, dove la tradizione e la storia ne fanno da padroni.

Non dimentichiamo mai le nostre origini seppur con uno sguardo rivolto al futuro.

Tanti cari auguri Ristorante Zi ‘Ntonio!

A 60 ANNI DALL’APERTURA DEL RISTORANTE ZI’NTONIO
Vi Proponiamo

MENU’ SPECIALE DELLA TRADIZIONE

Antipasto in ricordo della nostra terra

Salumi, bocconcini di bufala, e verdure grigliate
tutte coltivate nel nostro giardino

I Primi

Lasagne alle verdure

Gnocchi di “Zia MARIA”

Il Secondo

Arista alla Genovese di “Zia MARIA”
con contorni di fritturine miste

Il Dolce

Pasticciotto crema e amarena