Vomero: Tutte le Info per la Visita del Noto Quartiere di Napoli

Pendamentina San Martino al Vomero di Napoli - Foto loves_campania

Vomero (O Vommero in napoletano) è uno dei quartieri collinari di Napoli.

I suoi abitanti sono chiamati vomeresi.

Il quartiere ha subito un forte sviluppo sociale e commerciale a partire dal dopoguerra, tanto che oggi vanta la nomea di un quartiere ricco e agiato, abitato dalla borghesia napoletana.

Vomero, Napoli: Storia e Descrizione del Noto Quartiere

Tutte le strade portano a Roma: trama, cast e attori del film in onda...

Questa sera su Canale 5 sarà trasmesso il film Tutte le strade portano a Roma, uscito nel 2015 e diretto da Ella Lemhagen. Tutte le strade portano a...

Confina a nord con il quartiere Arenella, ad ovest con i quartieri Soccavo e Fuorigrotta.

A sud confina con il quartiere Chiaia e ad est con il quartiere Montecalvario e, sempre ad est, ma per pochissimi metri, con il quartiere Avvocata.

Con la “riforma del decentramento” deliberata nel 2005, il Vomero con l’Arenella forma la Municipalità V, che, con i suoi 120.000 abitanti, è la più densamente popolata della città.

Vomero a Napoli: Storia

L’edificazione del quartiere Vomero si deve ad un’operazione di bonifica avvenuta in seguito ad un’epidemia scoppiata nel 1884 che richiese l’ampliamento della città in un’area rurale.

In effetti, sin dal 1600, le famiglie aristocratiche e nobiliari si rifugiavano sulla collina per sfuggire alle pestilenze che colpivano la città e che, progressivamente, vi collocarono le proprie residenze.

È il caso della Villa Floridiana, acquisita nell’Ottocento dai Borbone.

L’attuale estensione si deve alle costruzioni operate tra gli anni ‘40 e gli anni ‘70 del secolo scorso.

Il quartiere è posizionato sulla collina del Vomero ed occupa, infatti, una posizione sopraelevata rispetto al centro città ed è collegato alla parte basse tramite strade (è il caso del Corso Vittorio Emanuele) funicolari e metropolitane.

Il punto più alto del quartiere e della città è rappresentato dal Castel Sant’Elmo e dalla Certosa di San Martino collocata a 215 mt s.l.m.

Il termine Vomero si deve probabilmente alla natura agricola della zona e farebbe riferimento al vomere dell’aratro, la parte destinata ad incidere il terreno con un solco profondo.

Quartiere Vomero a Napoli: Cosa Vedere e Come Arrivare

Situato su una collina alla quale si accede tramite la funicolare, l’elegante e verdeggiante quartiere del Vomero è ricco di gelaterie, caffè all’aperto e ristoranti raffinati di cucina italiana.

Intorno a piazza Vanvitelli si trovano negozi di catene famose e grandi magazzini.

La Certosa di San Martino, sede anche di un museo, è un ex monastero con una chiesa barocca decorata da affreschi, dipinti e sculture.

Castel Sant’Elmo, a forma di stella, offre un ampio panorama sulla città e sul Golfo di Napoli.

Come arrivare al Vomero

Per giungere in questa parte di Napoli, potete prendere dalla Stazione Piazza Garibaldi la Linea 1, e vi fermate a Quattro Giornate o Vanvitelli.

Da lì c’è da prendere la funicolare di Corso Vittorio Emanuele, fermata Cimarosa.

I bus che arrivano al vomero dal centro di napoli sono il n. 181, il C31 e il C33.