Vinitaly: al Borgo di Gete di Reale i “3 Cornetti Gold” dell’Ais Campania

Grande successo al Vinitaly per i vini della Costiera Amalfitana. E in particolare per Tramonti e i suoi nettari prodotti con le uve a bacche rosse di Tintore, lo spettacolare vitigno autoctono coltivato a piede franco tra i terrazzamenti scavati lungo i fianchi delle montagne.

Ed è proprio a uno di quei vini che si stappa dinanzi a un ospite speciale che è andato un importante riconoscimento. Si tratta del Borgo di Gete dell’Azienda Agricola Reale di Tramonti, a cui è stato assegnato il premio “3 Cornetti Gold” della Guida della Regione Campania curata dall’Ais Campania.

Una vera e propria anteprima del nuovo vademecum, la guida-catalogo dei vini delle aziende campane Ais-Regione, che contiene 150 vini 20 dei quali premiati con i cornetti d’oro.

Tra questi anche il Pallagrello Rosso Ambruco di Terra dei Principi, la Falanghina Fois delle cantine Cautiero, la Lacryma Christi Vigna del Vulcano di Villa Dora.

Un importante riconoscimento per quella viticoltura eroica e di antica memoria praticata a Gete, una delle tredici frazioni di Tramonti, da Gigino e Gaetano Reale che proprio dal Tintore ricavano questo vino in cui ha sede l’azienda e dove, oltre a produrre ottimi vini, si fa cucina a chilometro zero.

Tutt’intorno è rigoglio di piantagioni. In parte a filarti, prevalentemente a tendoni. Edè qui sotto, ancorate con le radici a un suolo vulcanico, che crescono poderose e affascinanti le viti ultracentenarie di Tramonti in un contesto unico e ricco di biodiversità dove la fillossera non ha mai attecchito.