Vico Equense: torna “Pizza a Vico”. Appuntamento con sapori e tradizioni dal 15 al 17 aprile

Dal 15 al 17 aprile torna a Vico Equense “Pizza a Vico 2018”, l’evento promosso dal Comune e dall’Associazione omonima che vedrà protagoniste 25 pizzerie che saranno portavoce di sapori, profumi, arte e tradizioni.

Come di consueto la location dell’evento sarà il centro cittadino di Vico Equense che per l’occasione sarà chiuso al traffico veicolare. Tre le serate previste e tutte interamente dedicate all’arte dei pizzaioli locali, di vecchia e nuova generazione, che hanno fatto della pizza un piatto d’eccellenza. Tra le novità, anche la pizza a pranzo nei giorni di lunedì 16 e martedì 17 aprile, per i disabili delle strutture dell’intera penisola sorrentina. L’intero ricavato della serata sarà devoluto a scopi benefici.

Le pizzerie protagoniste dell’edizione 2018 saranno: Al Buco, All’Angolo, da Cardone, il Casale del Golfo, il Cavallino (pizza gluten free), Cerasè, il Covo del Buongustaio, Cuore di Pizza, Pizza a Metro, da Franco, da Giovanni, Frate Cosimo, da Gighetto, La Piazzetta, L’Isola, Ma che Bontà, Momenti di Gusto, Mordi e Fuggi, L’Oasi, Saporì, Pizza Taxi, Terra Mia, Tigabelas, Titos e Torre Ferano.

Roberta Bonanno: chi è la concorrente di Tale e Quale Show

Roberta Bonanno è una delle protagoniste di questa nuova edizione del programma di successo di Rai 1 Tale e Quale Show condotto come sempre da Carlo Conti. Roberta Bonanno: ecco...

Con “Pizza a Vico 2018” ancora una volta l’Amministrazione comunale mostra il suo interesse per la salvaguardia delle produzioni e delle tipicità locali, la diffusione alle giovani generazioni di buone pratiche e il rafforzamento dell’identità culturale attraverso il rilancio dei tradizionali mestieri, in linea con le componenti del riconoscimento della “Pizza napoletana” a Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO.

«La terza edizione di Pizza a Vico – dichiara Lucia Vanacore, assessore alle attività produttive ed al turismo – conferma l’attenzione che la nostra amministrazione dedica all’enogastronomia ed alle tradizioni culinarie quali volano della ricettività turistica.Dedicare una tre giorni alla pizza, recentemente dichiarata patrimonio mondiale dell’Unesco, punta a coniugare la possibilità di valorizzare le nostre bellezze paesaggistiche con il meglio della tradizione alimentare dei nostri territori. I nostri pizzaioli negli anni hanno costruito la loro fama sulla qualità non solo del prodotto finito ma anche dei singoli prodotti utilizzati».