Vico Equense: torna “Pizza a Vico”. Appuntamento con sapori e tradizioni dal 15 al 17 aprile

Dal 15 al 17 aprile torna a Vico Equense “Pizza a Vico 2018”, l’evento promosso dal Comune e dall’Associazione omonima che vedrà protagoniste 25 pizzerie che saranno portavoce di sapori, profumi, arte e tradizioni.

Come di consueto la location dell’evento sarà il centro cittadino di Vico Equense che per l’occasione sarà chiuso al traffico veicolare. Tre le serate previste e tutte interamente dedicate all’arte dei pizzaioli locali, di vecchia e nuova generazione, che hanno fatto della pizza un piatto d’eccellenza. Tra le novità, anche la pizza a pranzo nei giorni di lunedì 16 e martedì 17 aprile, per i disabili delle strutture dell’intera penisola sorrentina. L’intero ricavato della serata sarà devoluto a scopi benefici.

Le pizzerie protagoniste dell’edizione 2018 saranno: Al Buco, All’Angolo, da Cardone, il Casale del Golfo, il Cavallino (pizza gluten free), Cerasè, il Covo del Buongustaio, Cuore di Pizza, Pizza a Metro, da Franco, da Giovanni, Frate Cosimo, da Gighetto, La Piazzetta, L’Isola, Ma che Bontà, Momenti di Gusto, Mordi e Fuggi, L’Oasi, Saporì, Pizza Taxi, Terra Mia, Tigabelas, Titos e Torre Ferano.

Cesare Battisti: estradizione lampo. L’ex terrorista è in arrivo in Italia alle 11.30

E' in arrivo nelle prossime ore in Italia l'aereo che trasporta l'ex terrorista Cesare Battisti nel nostro paese dopo l'arresto di sabato avvenuto in Bolivia. Ad...

Con “Pizza a Vico 2018” ancora una volta l’Amministrazione comunale mostra il suo interesse per la salvaguardia delle produzioni e delle tipicità locali, la diffusione alle giovani generazioni di buone pratiche e il rafforzamento dell’identità culturale attraverso il rilancio dei tradizionali mestieri, in linea con le componenti del riconoscimento della “Pizza napoletana” a Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO.

«La terza edizione di Pizza a Vico – dichiara Lucia Vanacore, assessore alle attività produttive ed al turismo – conferma l’attenzione che la nostra amministrazione dedica all’enogastronomia ed alle tradizioni culinarie quali volano della ricettività turistica.Dedicare una tre giorni alla pizza, recentemente dichiarata patrimonio mondiale dell’Unesco, punta a coniugare la possibilità di valorizzare le nostre bellezze paesaggistiche con il meglio della tradizione alimentare dei nostri territori. I nostri pizzaioli negli anni hanno costruito la loro fama sulla qualità non solo del prodotto finito ma anche dei singoli prodotti utilizzati».