“Uno Mattina” in Costa d’Amalfi tra limoni e Archeo trekking / Foto e Video

Il Sentiero dei Limoni, Maiori e Minori protagonisti questa mattina di un servizio di “Uno Mattina”, il programma della mattina di Rai1.

I condutturi della fortunata trasmissione Rai, Marco Frittella e Monica Giandotti hanno lanciato il servizio a cura di Chiara Del Gaudio e Anna Battipaglia, servizio che ha mostrato, in pochi minuti, tutta la bellezza di un tratto molto caratteristico della Costa d’Amalfi.

“Costa d’Amalfi, terra di naviganti e non solo, Patrimonio Unesco dell’Umanità da oltre vent’anni. Oggi vi racconteremo l’antico percorso dei limoni che da Maiori conduce fino a Minori” – annuncia Chiara Del Gaudio.

Cultura, dal 15 al 20 giugno il festival letterario “Positano racconta”

Si terrà a Positano dal 15 al 20 giugno il festival letterario a cura di Nicola Lagioia "Positano Racconta". "Positano Racconta" è una rassegna di...

Il serivizo procede poi con l’intervista a Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub Italia che ha spiegato cosa propone il Geo – Archeo – Trekking: «E’ una tipologia di turismo che ci siamo inventati per dare la possibilità di conoscere gli aspetti geologico-naturalistici di un luogo, ma anche sotto gli aspetti archeologici. Ci troviamo all’inizio di uno dei sentieri più bella della Costiera Amalfitana, quello del Sentiero dei Limoni, qui davanti a noi abbiamo una delle chiese più importanti di Maiori che custodisce la statua della Madonna ritrovata lungo la costa di Maiori».

La Del Gaudio ha poi intervistato Michele Ruocco, promotore del Sentiero dei Limoni, che ha spiegato che «il nome “Sfusato Amalfitano” deriva dalla forma ” a fuso” di questa tipologia di limoni. Deve il suo successo all’utilizzo in medicina ed è oggi usato tantissimo in gastronomia. E’ un limone che è raccolto maturo, ha una acidità minore rispetto agli altri ed è eccezionale per i sorbetti e per il limoncello».

Il serivizio si conclude poi con le parole del sindaco di Minori, Andrea Reale: «Il Sentiero dei Limoni è un museo a cielo aperto. La cultura ha bisogno di contagi e noi vogliamo contagiare tutti , invitando i turisti italiani, europei ed extraeuropei a visitare Minori e la Costa d’Amalfi».