Una Cometa sorvola la Costiera Amalfitana: immortalata da Fabio Fusco / Foto

E’ stata una notte speciale per Fabio Fusco che dopo giorni di attesa è riuscita ad immortalare C/2020 F3 NEOWISE.

Con determinazione e grande passione il fotografo è rimasto appostato per ore in attesa del momento fatidico nel quale il suo grande lavoro è stato ripagato. Pochi secondo nei quali il fotografo è riuscito a bloccare in un’eterna istantanea il passaggio della cometa.

Million day: ecco i numeri vincenti estratti oggi 31 luglio

Anche per il mese di luglio e anche oggi di non si fermano le estrazioni del Million Day, il gioco di lottomatica che ha fatto il...

“Si chiama C/2020 F3 NEOWISE e si traduce “spettacolo” per chi da tempo aspettava di poter ammirare in cielo un luminoso astro chiomato: si tratta infatti di una COMETA finalmente visibile senza troppe difficoltà dai nostri cieli Italiani – scrive Fabio Fusco su facebook – L’affascinante Cometa proviene dalla nube di Oort, ha un moto retrogrado e un’orbita quasi parabolica; l’oggetto è stato scoperto il 27 marzo 2020 dal telescopio spaziale NEOWISE ( Near Earth Objects) da cui prende il nome ed è dotato di un’elegante coda luminosa del tipico colore giallastro derivante dalla riflessione della luce Solare e da cui si deduce la composizione di polveri della coda, di cui la cometa fa sfoggio proprio in queste estive notti di luglio: l’oggetto è visibile infatti poche ore prima dell’alba in direzione nord-est, nei pressi dell’Auriga”.


“Al momento la Cometa è bassa all’orizzonte e il 3 luglio è transitata al perielio, ovvero nel punto più vicino al Sole, ad una distanza di 0,3 UA, mostrandosi in tutto il suo fascino con una magnitudo +1. Sono già in tanti ad averla fotografata con stupore ed emozione tra i colori che precedono l’alba, da diversi luoghi italiani”.


“Come accennato sopra, in queste notti fino al 10 luglio, NEOWISE sorge intorno alle 4 del mattino ma, pur essendo ancora bassa sull’orizzonte nord orientale, si individua facilente ad occhio nudo; la sua luminosità però andrà calando nel corso delle settimane, in compenso la Cometa si troverà sempre più distante dal sole, e ciò consentirà di scorgerla in un cielo un po’ più buio rispetto a quello che precede l’alba”.