Turismo: la Costiera Amalfitana cresce in termini di flussi più della media nazionale

Per l’Italia il 2019 è stato un anno ricco e denso di soddisfazioni per quanto concerne il comparto turistico. Tra le mete di maggiore interesse proprio al Costiera Amalfitana che ha ospitato diverse migliaia di visitatori.

L’Assessore al Turismo della Regione Campania Corrado Matera ha dichiarato:”Per il 2020  prevediamo per il turismo italiano una crescita del 3% per il 2020. Saremo, come sempre, costanti nel promuovere l’Italia. Previsti nel 2020 ben 480 eventi nel mondo, per promuovere l’Italia all’estero. Gli operatori turistici internazionali ci dicono che c’è tanta voglia di Italia e questa voglia aumenta. Nel 2020 si punterà anche sul turismo slow a cui sarà riservato il 34,8 per cento delle azioni Enit e al turismo active con il 26,7 per cento delle attività. Enit ha destinato il 22,7 per cento ad iniziative sui nuovi target del lusso affluent e Hnwi (High Net Worth Individual). Supporteremo in collaborazione con il sistema Italia i protagonisti dell’industria turistica. Innumerevoli gli eventi e celebrazioni in cantiere. Ben 480 iniziative programmate per il 2020 per promuovere l’Italia nel Mondo. Il 2019 è stato davvero importante per il nostro Paese. Ben 360 milioni di pernottamenti con un aumento del 4,4% ed introiti per 40 MLD di Euro”.

Per quanto concerne la Costiera Amalfitana Maria Elena Rossi direttore Marketing e Promozione ENIT, ha spiegato che:”La Costiera Amalfitana cresce in termini di flussi più della media nazionale. Il turismo italiano rappresenta un comparto economico pari al 13% del Pil con 4,2 milioni di occupati siamo leader in Europa.  Nel 2019 abbiamo registrato una crescita della spesa del turismo internazionale del 6,6% ed un aumento dei pernottamenti del +4,4 %. Un incremento rilevato anche dai dati sugli arrivi aeroportuali che chiudono i primi 11 mesi 2019 con un +4% di passeggeri totali, che sale a +5,8 % su quelli internazionali”.