Turismo: in Costa d’Amalfi ad agosto occupazione alberghiera all’83%. Ha pesato l’assenza degli stranieri

Foto Angelo Anastasio

“La Campania sta soffrendo la quasi totale assenza di turisti stranieri. Una vera ripresa potrà esserci solo quando l’aeroporto di Capodichino tornerà a regime e si riapriranno, in maniera costante mercati internazionali, in particolare per Stati Uniti, Giappone e i principali paesi europei”.

A dichiararlo è il presidente Federalberghi Napoli, Antonio Izzo, in un articolo pubblicato sul quotidiano la Repubblica di Napoli.

Rispetto allo scorso mese di luglio, quando i dati erano fermi al minimo storico (30%) e gli alberghi praticamente vuoti, ad agosto il turismo è salito al 49% delle camere occupate ma resta un miraggio il pienone dello scorso anno, quando trovare una camera era quasi impossibile.

Ravello: due persone positive al Covid a spasso per il paese, intervengono i carabinieri

Nonostante fossero risultate positive al Covid-19 erano a passeggio. E' accaduto a Ravello. Il primo nella serata di ieri è stato individuato dalle forze dell'ordine...

La maggior parte dei turisti che hanno scelto Napoli e la Campania per trascorrere, in media, due notti, sono italiani.

A registrare il maggior numero di turisti sono stati gli alberghi a tariffa medio – bassa e i i Bed & Breakfast cittadini, dove il dato medio di occupazione camere a Napoli è stato del 64 per cento, con circa 3 notti di permanenza e un prezzo a camera di 62 euro.

Se da una parte Napoli non sfonda, il Cilento fa record sfiorando il 90% di occupazione camere, con una media di circa 5 notti e un prezzo medio a doppia di 74 euro. Vanno bene le località costiere del verde Cilento con Palinuro, Camerota, Golfo di Policastro, Agropoli, Paestum ed Ascea ma soddisfacenti anche i dati dei comuni vicini.

A Salerno la media di occupazione camere è stata del 67% con un prezzo medio di 65 euro per una camera doppia. Soffre la costiera amalfitana, che, con l’assenza di ospiti stranieri perlopiù americani ed europei, registra una media di occupazione dell’83%, cinque notti di permanenza e un prezzo di 79 euro a camera.

Più penalizzata la penisola sorrentina, con il 77% di occupazione, tengono le isole del Golfo con una media di occupazione camere dell’88% e una media di 5 notti.