In replica a Tramonti Tutta colpa ‘e na nutriccia, adattamento dell’opera omonima di Eduardo Scarpetta. Tutti in sala presso il circolo Anspi sabato 14 gennaio a partire dalle 19 e 30. Biglietti in vendita all’Agrifalcon in piazza Cesarano.

La nutriccia è Lisetta, bella e attraente, la femminilità conturbante è vena sottile e persistente che circola. Parliamo dell’opera di Eduardo Scarpetta: nella vicenda, accanto a due anzianotti intrepidi che non si rassegnano al loro tempo, spicca Felice, protagonista in situazioni grottesche quanto inverosimili. A provocarlo, però, è sempre Lisetta, sua moglie.

locandina

Naturalmente Lisetta è fedele, ama suo marito e il figlioletto che ha avuto da lui, ma talvolta alcuni eventi possono cambiare la rotta della vicenda la quale, però, si conclude con un lieto fine, leitmotiv delle commedie dell’autore.

La trama sarà adattata a Tramonti. Presso il circolo Anspi a Cesarano, infatti, andrà in scena Tutta colpa ‘e na nutriccia, opera riproposta dalla compagnia Cesarano. La quale, a dicembre, ha brindato al ventesimo anno d’età. L’associazione ha ricevuto anche la gradita sorpresa da parte della commissione cultura della Camera. La consegna della pergamena dalle mani dell’attore Gaetano Amato. Il racconto qui.

Partiti da una piccola pedana di legno, allestita nel circolo della chiesa, il loro impegno ha portato ad affermazioni extra territoriali. Inoltre, ha messo nella condizione di poter ispirare altre persone e continuare a crescere all’interno della comunità, “salendo sul palco” e diventando membri non solo attivi ma anche promotori di progetti di cui possono beneficiare molte più persone, come quello finanziato, nel 2021, dall’European Solidarity Corps.

Quella del 14 gennaio è la quarta data in calendario. L’opera ha esordito il 27 dicembre scorso, raccogliendo i favori della critica e dei presenti.

Alla direzione artistica c’è Giuseppe Salsano, mentre la regia è affidata ad Antonio Falcone.

Articolo successivo

Grande Fratello Vip, entra l’ex fidanzato di Antonella Fiordelisi? La verità