Tramonti, danni al collettore fognario a causa della frana. Guida: “Disastro annunciato”

Le abbondanti piogge cadute su Tramonti lo scorso 10 febbraio hanno provocato una frana che nel suo violento incedere ha causato danni al collettore fognario.

Questo, secondo quanto riferiscono i componenti del gruppo di minoranza “SiAmo Tramonti”, composto da Domenico Guida, Emilio Giordano, Giovanni Pesacane e Alfonso Giordano, avrebbe spinto l’amministrazione comunale a un ulteriore esborso di danaro, per gli interventi di ripristino e messa in sicurezza, che ricadrà sui cittadini.

Nel video postato sulla pagina social, Guida pone l’accento anche su un altro aspetto, ovvero quello degli interventi che sarebbero stati effettuati quasi 16 anni fa, nel 2005, con una spesa complessiva di poco inferiore ai 200mila euro.

San Giuseppe lavoratore: storia e preghiera del santo del 1° maggio

Oggi, 1° maggio, la chiesa cattolica celebra San Giuseppe lavoratore. San Giuseppe lavoratore: storia e preghiera del santo del 1° maggio Fabbro, falegname, carpentiere: San Giuseppe nei Vangeli viene spesso...

Non si comprende quale autorità di bacino abbia autorizzato uno sbancamento di centinaia di metri in aree a pericolosità potenziale e reale di frana – spiega Guida – Il sindaco di Tramonti non può dirsi estraneo a quanto accaduto 15 anni fa, ovvero il pagamento per interventi mai effettuati e per questo deve prima segnalare il fatto all’autorità giudiziaria per i danni subiti dal comune e poi dare le dimissioni“.