Statale Amalfitana: due massi in bilico impediscono la riapertura

Ancora dieci giorni, o al massimo due settimane. Tanto occorrerà attendere prima che la statale 163 amalfitana interrotta dal 5 novembre scorso possa riaprire al traffico. Ad impedire il ritorno alla normalità sono due massi di enormi dimensioni che risultano essere in bilico proprio all’altezza del nastro d’asfalto. Esattamente in prossimità dell’albergo Saraceno. A individuare i pericoli incombenti sono stati i rocciatori della task force attivata dalla Regione Campania e che hanno eseguito in questi giorni operazioni di screening e di pulizia della montagna. Il più corposo intervento di consolidamento della parete rocciosa prenderà il via lunedì prossimo e sarà eseguito grazie al sostegno della Regione Campania.

Nel frattempo, l proprietà della sottostante struttura alberghiera, provvederà a realizzare una paratia per evitare eventuali danni derivanti dal disgaggio dei massi. L’Anas, dal canto suo, garantirà invece il ripristino della sede stradale e dei muretti di cinta in caso di danneggiamenti. Dell’intervento si è discusso giovedì nel corso di un tavolo tecnico presso la prefettura di Salerno e ieri mattina invece è stato dato corso all’iter burocratico per la realizzazione dell’opera.

“Contiamo nel giro di due settimane al massimo di riaprire la strada – spiega il sindaco di Conca dei Marini, Gaetano Frate – La ditta incaricata procederà alla rimozione dei due massi e poi al completamento della bonifica. Intanto come comune abbiamo chiesto aiuto alle altre cittadine della Costiera affinché ciascuna possa supportare con proprio personale il nostro comando vigili in particolare nelle ore di punta”. Questo per evitare ingorghi nella stradina comunale che dalla 163 risale la montagna fin su alla provinciale per Agerola e lungo la quale stanno transitando auto e mezzi di piccole dimensioni bypassando così l’interruzione lungo la 163.

Incidente sul raccordo Salerno – Avellino: un morto e cinque feriti

Domenica di sangue questa sera sul raccordo autostradale Salerno - Avellino dove ha perso la vita un 18enne di Fisciano.Secondo le prime informazioni raccolte...

Qui, il comune di Conca dei Marini qualche giorno fa si è visto costretto ad applicare il divieto per i mezzi pesanti al fine di evitare ingorghi e lunghi blocchi alla circolazione regolata al momento da impianti semaforici. La statale amalfitana risulta chiusa da oltre tre settimane a causa della caduta di massi sempre nello stesso punto in cui, a inizio anno, si staccò dalla roccia altro materiale lapideo. In quell’occasione la strada restò chiusa quasi un mese complicando la vita, così come sta accadendo adesso, a residenti e pendolari, tra i quali numerosi studenti costretti a raggiungere con minibus i plessi di Amalfi.