Spostamenti tra Regioni: sarà possibile dal 3 giugno. In Campania cosa accadrà?

E’ arrivato praticamente il via libera da parte del Governo per lo spostamento tra regioni. Da Palazzo Chigi è stata confermata la data del 3 giugno anche per l’apertura dei confini nazionali ai paesi europei. Per i paesi extra Ue resta per il momento confermata quella del 15 giugno.

“Al momento non c’è in Italia alcuna situazione critica relativa all’epidemia di Covid-19. Il decreto legge vigente prevede dal 3 giugno la ripresa degli spostamenti infraregionali e al momento non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti”. Le dichiarazioni del Ministro della salute Roberto Speranza.

I dati dell’Istituto superiore di sanità spingono verso la riapertura completa del paese: il 3 giugno cadranno i divieti di spostamento e sarà possibile tornare a muoversi liberamente in tutta Italia, dopo quasi tre mesi. “I dati del monitoraggio sono incoraggianti. I sacrifici importanti del lockdown hanno prodotto questi risultati. Dobbiamo continuare sulla strada intrapresa con gradualità” aveva spiegato prima del vertice con Conte il ministro Speranza.

Chi è Tosca D’Aquino: età, marito, figli, vita provata e carriera

Tosca D'Aquino è una delle attrici più conosciute e apprezzate della televisione e del cinema italiano.Grazie alla sua bellezza, alla sua simpatia e al...

Per quanto riguarda lo spostamento tra regioni, la Campania attende le eventuali misure restrittive del Governatore De Luca che in queste settimane ha seguito una linea che non sempre è stata coincidente con quella del Governo.

“Quando abbiamo parlato della mobilità tra le diverse regioni, almeno per quanto riguarda la Campania, abbiamo fatto riferimento ad un numero preciso qual è il numero di persone contagiata in un territorio o in un altro. E’ del tutto ragionevole pensare che se in un territorio abbiamo ancora un numero alto di contagiati, questo territorio deve avere delle limitazioni per quanto riguarda la mobilità. Quindi un problema molto semplice e di merito. Non c’entra il rapporto nord-sud. Ad oggi non abbiamo ancora dal Governo una definizione di un criterio semplice, indiscutibile che consenta di attivare la mobilità interregionale. Ci auguriamo che il Governo nazionale faccia delle scelte ragionevoli. Sempre con l’obiettivo di bloccare i focolai di contagio in tutta Italia”.

Con questa dichiarazione De Luca aveva fatto ipotizzare la volontà di una limitazione di spostamenti in particolare da quelle aree geografiche maggiormente colpire dal Covid-19. Al momento, però, resta confermato la possibilità di spostarsi tra regioni a partire dal 3 giugno, staremo a vedere se nelle prossime ore ci saranno novità.