Spostamenti tra Regioni: il 3 giugno resteranno ancora chiuse quelle a rischio, ecco la mappa

La fase 2 è ormai entrata nel vivo e uno dei prossimi step sarà quello della riaperture dei confini tra le Regioni. Sono moltissime le limitazioni per lo spostamento interregionale.

Come riportato da Il Messaggero, il ministro della Salute Roberto Speranza rimane molto cauto sulla possibilità di consentire gli spostamenti tra regioni:«E’ presto per parlare della riapertura dei confini regionali. Potremo decidere solo alla fine della prossima settimana, tra venerdì e il 1 giugno, quando conosceremo gli effetti delle riaperture del 18 maggio».

La data che si credeva potesse essere quella definitiva del liberi tutti era il 3 giugno, ma a circa una decina di giorni dalla stessa le incognite sono ancora tantissime.

Coronavirus Salerno e Provincia: in un mese 300 guariti e 5 decessi

Buone notizie per quanto riguarda il fronte Coronavirus nel Salernitano dal momento che continua il trend in costante discesa.Come riporta il quotidiano la Città...

Tutto, ovviamente, sarà legato all’evoluzione del virus:«Se il quadro sarà rassicurante in tutte le Regioni, non ci saranno più limitazioni agli spostamenti, altrimenti si rinvierà di una settimana l’allentamento», spiega una fonte di alto rango che segue il dossier, «oppure, com’è più probabile, riapriranno i confini solamente le Regioni a basso indice di contagio, mentre resteranno chiuse per una o due settimane in più quelle con un tasso di rischio ancora alto».

Un concetto ribadito dal ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia: «Se i dati dovessero variare, se una Regione entra nella sfera di alto rischio non si apre, è evidente. Se si resta dentro il basso rischio sarà possibile la mobilità interregionale. I controlli sui dati saranno quotidiani».