“Sport e Periferie 2019”: ad Atrani finanziamento per la copertura del campetto comunale

foto.habitissimo.it

Buone notizie per il Comune di Atrani che è entrato nella graduatoria del bando “Sport e Periferie 2019” della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Il bando di concorso venne aperto il 15 novembre 2018 ed era finalizzato alla selezione di richieste di intervento da finanziare per l’anno 2019 nell’ambito del Fondo Sport e Periferie istituito dal DL 185/2015 con l’obiettivo, tra gli altri, di incrementare la sicurezza urbana attraverso gli investimenti sulle infrastrutture sportive.

Le risorse che ammontano a poco meno di 63 milioni di euro: 45 milioni stanziamenti per annualità 2019; 7.526.144,01 euro risorse residue assegnate al fondo sport e periferie con delibera Cipe n.4 del 17 gennaio 2019; e ulteriori 9.728.950,00 derivanti da stanziamento fondi sport e periferie sempre annualità 2019.

Santa Rosa Oggi 23 Agosto: storia, onomastico, auguri e preghiera

Oggi 23 Agosto ricorrono le celebrazioni in onore di Santa Rosa da Lima. Rosa nacque a Lima il 20 aprile 1586, decima di tredici figli. Il suo...

La gratuatoria, pubblicata lo scorso 6 giugno, vede anche il Comune di Atrani che utilizzerà il finanziamento di 137.500 euro per realizzare una copertura invernale per il campetto comunale, attualmente sottoposto a restyling.

«Abbiamo approvato la graduatoria finale dei progetti presentati nell’ambito del bando “Sport e Periferie” – ha dichiarato il presidente Stefano Bonaccini. Saranno così finanziati con 72 milioni progetti a favore della diffusione della cultura dello sport nelle zone più svantaggiare del Paese e nelle periferie urbane. E’ chiara l’importanza di questi interventi rivolti a ridurre, attraverso lo sport, le differenze di opportunità sociali, rilevando la società civile presente sul territorio. Lo sport ti pone nelle condizioni di essere alla pari con gli altri. Le attività sportive – conclude Bonaccini – infatti aiutano sicuramente i giovani a superare il senso di abbandono e a sentirsi partecipi di progetti di vita collettivi».