Sorrento: rifiuti non differenziati, b&b e affittacamere rischiano la sospensione 

Pugno duro a Sorrento contro i furbetti del sacchetto e il mancato rispetto delle regole della differenziazione dei rifiuti.

Sono in corso in queste ore una serie di controlli da parte degli addetti di Penisolaverde, la società di igiene urbana del Comune di Sorrento, congiuntamente agli agenti della polizia locale, sul fronte dei rifiuti depositati in strada in maniera non corretta, sia per orari che per mancata differenziazione dei diversi materiali riciclabili.

Lo rende noto un comunicato del Comune di Sorrento attraverso cui si apprende che, secondo la relazione firmata dal direttore di Penisolaverde, Luigi Cuomo, sarebbe stata riscontrata una situazione allarmante per quanto riguarda b&b ed affittacamere, con 13 strutture segnalate in pochi giorni, alle quali saranno comminate sanzioni.

Chi è Monica Marangoni Tutto Chiaro: età, carriera, marito e vita privata

Monica Marangoni è una delle conduttrici più amate e conosciute del panorama televisivo italiano.Grazie alla sua bellezza e alla sua bravura ha conquistato la...

Tutto questo, dopo le multe elevate grazie alle fototrappole installate lungo Via Nastro Verde.

Intanto il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, sta verificando la possibilità di sospensione delle attività in caso di reiterazione.

«Stiamo attraversando un nuovo periodo di emergenza – spiega il primo cittadino – Nello scorso fine settimana ci sono volute oltre 48 ore per poter conferire i rifiuti presso l’impianto di Tufino. A settembre, con il fermo programmato dell’impianto di Acerra, ci saranno sicuramente periodi di grave disagio».

«L’unico modo che abbiamo di fronteggiare tale situazione è quello di diminuire la quantità di rifiuti indifferenziati da inviare agli impianti di smaltimento, effettuando nella maniera corretta la separazione e la differenziazione dei rifiuti – prosegue il primo cittadino in una nota – Negli ultimi mesi abbiamo già raggiunto una netta diminuzione, superando il 70% di raccolta differenziata. Siamo determinati ad individuare e a punire quei cittadini e quelle attività che cercano di rendere vani gli sforzi dell’intera collettività».