Sorrento in musica: alle 18 in streaming Concerto del Nuovo Anno

Il Comune di Sorrento e la S.C.S. Società Concerti Sorrento, in collaborazione con la Fondazione Sorrento, aprono il nuovo anno all’insegna della musica, con un concerto in diretta streaming in programma domani 6 gennaio, alle ore 18, dal Teatro Comunale Tasso.

Protagonista dell’evento sarà l’Orchestra Sinfonica Claudio Abbado, una delle realtà campane che si sta affermando nel panorama musicale nazionale, diretta da Ivan Antonio, con la direzione artistica di Paolo Scibilia e la conduzione dell’attore Marco Palmieri.

Il concerto sarà visibile sulla pagina Facebook del Comune di Sorrento, all’indirizzo https://www.facebook.com/comunesorrento e su quelle della Fondazione Sorrento e della Società Concerti Sorrento.

Napoli, Covid vaccine center: sciacallaggio mediatico sulle lunghe file

La Regione Campania ha diffuso una nota stampa riguardo le lunghe file mostrate dai media riguardo le vaccinazioni a Napoli."Nonostante sia più che comprensibile...

Solisti del programma lirico sinfonico saranno il soprano Anna Corvino ed il tenore Achille Del Giudice.

In programma, celebri brani del repertorio brillante: valzer e polke viennesi di Strauss, valzer di Shostakovich, la sinfonia “Il barbiere di Siviglia” di Rossini, arie da “La Traviata” di Giuseppe Verdi, “Turandot” di Giacomo Puccini, operette di Franz Lehar, oltre a canzoni italiane, napoletane e spagnole.

Ricordiamo che il Teatro comunale Tasso è destinatario di un finanziamento di 230mila euro erogato dalla Città Metropolitana di Napoli. Si tratta di fondi che saranno utilizzati dal Comune di Sorrento per l’adeguamento tecnologico della struttura.

“È stata una corsa contro il tempo che ci ha visti produrre la documentazione e la progettazione necessaria in pochi giorni – spiega il sindaco, Massimo Coppola -. Un risultato che evidenzia la capacità del Comune di intercettare risorse provenienti da altri enti, fattore fondamentale soprattutto in tempi difficili come questo. Si tratta di un passo importante per fare del nostro teatro un punto di aggregazione sociale e culturale come ci siamo prefissati nel nostro programma”.