Scuole chiuse in Italia da domani al 15 marzo: arrivata l’ufficialità

É arrivata l’ufficialità dal Ministro dell’Istruzione Azzolina: le scuole saranno chiuse da domani e fino al 15 marzo.

Dopo che nel primo pomeriggio erano trapelate delle indiscrezioni sulla chiusura delle scuole poi smentite, poco fa é arrivata l’ufficialità dal ministro Lucia Azzolina: scuole e Università chiuse dal 5 al 15 marzo.

La decisione é stata presa per evitare che continuino a crescere i numeri di contagio da Coronavirus nel nostro Paese. In questo modo, le scuole dovrebbero riaprire lunedì 16 marzo.

Chi è Bianca tentatrice di Ciavy Temptation Island: età, lavoro e curiosità

Tra le tante tentatrici del programma Temptation Island Bianca Concavo è quella che sicuramente ha attirato di più l'attenzione del pubblico.La giovane donna è...

“C’era una valutazione in corso, per il governo non è stata una decisione semplice – ha detto il ministro Azzolina in conferenza stampa insieme al premier Giuseppe Conte – . Abbiamo aspettato anche il parere del comitato scientifico e abbiamo deciso prudenzialmente di sospendere le attività didattiche fino al 15 marzo al di fuori della scuola rossa, a partire da domani”.

“Perché le misure sulla scuola? Perché in questo momento siamo concentrati ad adottare tutte le misure di contenimento diretto del virus o di ritardo della sua diffusione perché il sistema sanitario per quanto efficiente e eccellente rischia di andare in sovraccarico” in particolare “per la terapia intensiva e sub-intensiva”. Lo dice il premier Giuseppe Conte parlando a Palazzo Chigi riferendosi alle indicazioni avuto dall’Istituto Superiore di Sanità.
“Ci stiamo muovendo con la massima celerità e determinazione a tutela dei lavoratori pubblici e privati. E’ in fase di definizione una norma che prevede la possibilità per uno dei genitori, in caso di chiusura delle scuole, di assentarsi dal lavoro per accudire i figli minorenni. Ne ho giàparlato con il Ministro Gualtieri e gli altri Ministri competenti: faremo tutto quello che è necessario per ridurre al massimo i disagi”. Così il viceministro all’Economia Laura Castelli dopo la decisione di chiudere le scuole per l’emergenza Coronavirus.