Scuole chiuse in Costiera Amalfitana, i sindaci: “Effettueremo al più presto nuove rilevazioni”

I sindaci della Costiera Amalfitana chiariscono ancora una volta la scelta di chiudere le scuole per limitare il proliferare del contagio.

Il presidente della Conferenza dei Sindaci Costa d’Amalfi, Luigi Mansi, e il delegato alla sanità, Andrea Reale, hanno risposto attraverso una nota alla richiesta del Prefetto rispetto alla possibilità di riaprire le scuole della Costiera Amalfitana.

A seguito delle pronunce giudiziarie e degli interventi prefettizi sui provvedimenti di sospensione delle attività scolastiche in presenza, si ritiene di precisare le ragioni che hanno portato all’adozione dei provvedimenti stessi:

  • allo stato attuale il numero dei contagi accertati supera la quota del 5% della popolazione residente in Costa D’Amalfi, ed è in costante  aumento rispetto alla data di emanazione delle ordinanze sindacali;
  • le ordinanze sindacali sono state emesse sentita la competente Autorità Sanitaria U.O.S.D. Prevenzione Collettiva-Area Interdistrettuale D.S. 60/63-Dipartimento Prevenzione Asl SA, la cui nota prot. n. 21 del 07.01.2022 recita: “Considerato il notevole aumento del numero dei contagi che continua a registrarsi in questi giorni ed in particolar modo tra le collettività scolastiche territoriali, che risultano più suscettibili rispetto alle altre, in quanto caratterizzate da una ridotta o del tutto assente copertura vaccinale Anti-Covid19, …omissis…al fine di evitare l’aggravarsi della situazione epidemiologica da SARS CoV2, soprattutto in ambito scolastico…omissis…propone…omissis… di intraprendere idonei provvedimenti atti a contenere la diffusione da contagio da SARS CoV2, tra i quali l’ipotesi dell’attivazione temporanea della didattica a distanza per le scuole esistenti nel territorio cittadino della Costiera Amalfitana”;
  • sul nostro territorio le attività di tracciamento e di controllo dei contatti risultano già da tempo estremamente lente e carenti. Le USCA sono ridotte all’osso in termini sia di personale che di attrezzature, gravate di sempre nuovi compiti, ed è impensabile possano riuscire a fornire alle scuole il previsto supporto nella gestione dell’epidemia in ambito scolastico;
  • di conseguenza, proprio il criterio normativo per il tipo di didattica da adottare, e cioè la rilevazione del numero di positivi in una classe, è un dato poco attendibile, quasi sempre in ritardo rispetto alla realtà e perciò spesso sottostimato;
  • le scuole stesse, attraverso le rispettive dirigenze, lamentano le inevitabili difficoltà cui andrebbero incontro in considerazione della accertata carenza di strutture e di personale da utilizzare nella concreta applicazione delle procedure (controllo dei greenpass, fornitura dei dispositivi di protezione, necessità di sostituzione del personale assente per malattia, etc.);
  • permane il problema dell’inadeguatezza dei controlli sui mezzi di trasporto pubblici, inidonei a fornire il livello di sicurezza richiesto, tanto più in un territorio in cui la mobilità scolastica è cospicua e inevitabile, specialmente riguardo agli istituti superiori, quasi tutti accentrati ad Amalfi;
  • il rinvio delle attività didattiche in presenza ha lo scopo preminente di garantire idonei margini temporali alla campagna vaccinale, con l’aiuto di numerosi volontari (medici, infermieri, OSS, gruppi di Protezione Civile, Croce Rossa e farmacisti) coinvolti dalla Conferenza dei Sindaci, con riferimento sia alla terza dose di richiamo che all’avviato ciclo vaccinale per i giovanissimi (5-11 anni), per i quali va ribadita l’assoluta opportunità di accedere alla procedura di immunizzazione. Al 09.01.2022, rispetto ai 399 bambini di fascia 5-11 anni iscritti nella piattaforma regionale, risultavano vaccinati 55 bambini; per lunedì  17.01. sono stati convocati altri 100 bambini. Inoltre, nei prossimi giorni nei centri vaccinali ASL della Costa d’Amalfi saranno effettuate le vaccinazioni  agli studenti già convocati della fascia di età 12/17 anni. La Conferenza dei Sindaci, nella persona del suo Presidente, ha anche pianificato con il Ministero della Difesa, Corpo Militare dell’Ordine di Malta, alcune giornate vaccinali open day per i residenti nel territorio della Costiera di età superiore ai 12 anni, che saranno effettuate con personale sanitario  e strutture sanitarie mobili autonome del suddetto  Corpo Militare.

La Conferenza dei Sindaci non intende, peraltro, esimersi da una più attenta considerazione dello stato di fatto. Nelle more della vigenza delle 13 ordinanze, saranno effettuate al più presto nuove rilevazioni che tengano conto della reale operatività delle strutture sanitarie, della concreta applicabilità delle regole a scuola e sui mezzi pubblici di trasporto, nonché dell’effettivo andamento dei contagi sia sulla popolazione complessiva che sulla popolazione scolastica, eventualmente anche attraverso screening da effettuarsi localmente, al cui esito si procederà ad una rivalutazione della situazione ed ai provvedimenti conseguenti.