Ingresso a pagamento nella Valle delle Ferriere: è polemica. Annullate 47 escursioni

Il Consorzio Amalfi di Qualità alla luce delle nuove disposizioni che regolano gli accessi alla Valle delle Ferriere (ingresso al costo di 5 euro a persona), ha annunciato attraverso il proprio sito internet l’annullamento di tutte le 47 escursioni organizzate dal  per il 2019 alla Riserva Naturale Orientata.

«A tale dolorosa decisione siamo costretti a pervenire dopo aver tentato infruttuosamente di scongiurare la preannunciata introduzione di un biglietto di ingresso di 5€ a persona, voluta dal Comune di Scala, che ha assunto in gestione l’area di proprietà statale.
Riteniamo la misura offensiva del turismo e degli appassionati della montagna, oltre che illegittima ed inopportuna», si legge nella nota diffusa questa mattina.

Per i Consorzio Amalfi di Qualità si tratta di «un chiaro tentativo di speculazione pubblica ai danni degli appassionati della montagna su un bene che da anni abbiamo contribuito a valorizzare nella totale latitanza delle pubbliche istituzioni».

Oroscopo Paolo Fox Oggi 13 Luglio: Previsioni segno per segno

Siamo giunti quasi a metà di questa giornata, per scoprire cosa ti riservano gli astri per oggi non resta che leggere l’Oroscopo Paolo Fox Oggi...

«Continueremo per il futuro a tenere attivo il sito www.valledelleferriere.it, la pagina TripAdvisor, il punto informativo telefonico e a proporre escursioni gratuite ai nostri ospiti lungo il sentieri CAI di Valle delle Ferriere, ma ci asterremo totalmente da ogni azione di valorizzazione della Riserva Naturale» prosegue la nota del consorzio presieduto da Gennaro Pisacane.

«E’ ora che i comuni costieri capiscano che il turismo escursionistico richiede investimenti – continua la nota – Fino ad oggi invece si sono fatti vivi solo quando si è trattato di speculare sullo stesso, come quando ad esempio hanno abolito la sosta gratuita anche nei punti più isolati del territorio comunale, dove generalmente iniziano i sentieri CAI. Quando invece c’era da investire in azioni realmente utili, quali la manutenzione, cura e segnaletica dei sentieri e la pubblicazione della carta escursionistica dei sentieri CAI, hanno demandato tutto ai volontari del CAI, che in questi anni abbiamo affiancato disinteressatamente realizzando grandi cose insieme, come il sito www.caimontilattari.it e la nuova carta dei sentieri CAI dei Monti Lattari.Speriamo che anche altre organizzazioni e tour operator vogliano seguire il nostro esempio».

«E’ ora di far capire ai comuni costieri che il turismo va valorizzato, non mortificato con balzelli vari, che valgono unicamente a rendere il nostri territori meno accoglienti ed ospitali», conclude la nota del Consorzio Amalfi di Qualità.