Santuario di Montevergine: Come Arrivare, Cosa Fare e Dove Mangiare

Il Santuario di Montevergine è un complesso monastico mariano di Mercogliano, situato nella frazione di Montevergine di questo comune, provincia di Avellino, ed è monumento nazionale.

L’abbazia territoriale di Montevergine è una della sei abbazie territoriali italiane.

Al suo interno viene venerato il quadro della Madonna di Montevergine e si stima che ogni anno sia visitato da circa un milione e mezzo di pellegrini.

Covid Salerno e Provincia: il punto della situazione ad oggi 2 agosto

Sono 82 le persone positive al Covid registrate nel mese di luglio tra Salerno e la sua provincia: di questi, riporta Il Mattino, 17...

L’origine ufficiale del Santuario di Montevergine risale alla consacrazione della prima chiesa nel lontano 1126.

Tuttavia l’ascesa di San Guglielmo al monte era di qualche anno precedente.

Su quelle cime impervie il Santo era andato cercando un luogo solitario per raccogliersi in preghiera, ma fin da subito la sua fama e le sue virtù attrassero sul monte uomini e donne, discepoli e sacerdoti desiderosi di servire Dio sotto il suo magistero.

La nascita del Santuario di Montevergine fu quindi alquanto spontanea, Guglielmo non aveva mai pensato a una propria organizzazione monacale.

Eppure in poco tempo le persone sopravvenute sul monte per seguirlo, avviarono un’intensa attività edificatrice, cosicché furono presto pronte le prime celle per i religiosi e una piccola chiesetta.

Al di là di alcune credenze popolari che hanno voluto legare l’origine del Santuario a un’apparizione della Madonna, si può dunque affermare che fu proprio lo spirito ascetico mariano di San Guglielmo e dei suoi discepoli a fare in modo che sulle cime del monte Partenio si elevasse un faro di devozione alla Santa Vergine Madre di Dio.

Santuario di Montevergine – Corte interna

Santuario di Montevergine: come arrivare

L’abbazia di Montevergine sorge su un pianoro a 1270 m d’altitudine che domina la città di Avellino e l’ampia vallata del Sabato.

Montevergine dista dall’aeroporto di Napoli-Capodichino 51 km.

Chi viaggia in treno può raggiungere Avellino con la ferrovia dello Stato, proseguire con la Filovia fino a Mercogliano; prendere quindi la Funicolare per Montevergine.

Per chi vuole arrivarci in auto, deve prendere l’autostrada Napoli-Bari, uscire ad Avellino Ovest, immettersi sulla Nazionale per Montevergine; a Ospedaletto d’Alpinolo bisogna poi imboccare la strada statale per Montevergine.

Chi viaggia con i mezzi pubblici può servirsi delle autolinee della Regione Campania in partenza da Napoli piazza Garibaldi.

Santuario di Montevergine: cosa fare e dove mangiare

Il clima a Montevergine potrebbe essere molto diverso da quello in città, per questo vi consigliamo sempre di portare con voi abbigliamento supplementare.

Anche se magari ci si va in estate, tenete presente che la montagna è pur sempre montagna.

Dopo una bella visita al Santuario di Montevergine, se siete amanti, della natura potete divertirvi facendo una bella passeggiata di trekking, oppure un’ escursione in in mountain bike.

I dintorni di Mercogliano sono ricchi di boschi e la zona  ben attrezzata con diverse aree picnic dove passare giornate rilassanti a contatto con la natura.

Sulla SS 574 del Monte Terminio  da segnalare “Cerrus”, una vasta area di 50 mila mq totali attrezzata con tavoli, barbecue, parco giochi, bar, ristoro e servizi. E’ aperta dal mattino fino alle 19.30 e la quota di ingresso  di 12 euro giornalieri.

Ci si rilassa all’ombra di maestosi castagneti e in stagione la raccolta delle castagne per il consumo in loco  libera.

Lungo la strada per il Santuario troverete numerosi ristoranti e agriturismi dove poter assaporate pietanze locali, anche se ce n’è uno molto vicino all’abbazia, che si chiama il Santuario.

Tra i locali che potete scegliere, non lontano dal Santuario di Montevergine, alcuni nomi da tener presenti sono l’Osteria dei Santi, l’Osteria La Juta, Parthenos, Osteria il Gallo e la Volpe, Rifugio Urupreta, Il Trifolaio, La Locanda del Pozzo.