Sant’Ignazio da Laconi: vita e martirologio del Santo dell’11 maggio

Oggi, 11 maggio, la chiesa cattolica celebra Sant’Ignazio da Laconi.

Sant’Ignazio da Laconi: vita e martirologio del Santo dell’11 maggio

Ignazio da Làconi, già Vincenzo Peis, nacque a Làconi. Il piccolo borgo è in provincia di Oristano, in Sardegna il 17 dicembre 1701, da una modesta e dignitosa famiglia.

Cresciuto nei valori cristiani, Vincenzo visse a Làconi, lavorando nei campi. Nel 1721 avvertì sempre di più urgente la chiamata a farsi frate. Decise perciò di presentarsi al Padre Provinciale dei Cappuccini di Cagliari, chiedendo di essere ammesso al noviziato.

Covid-19: ecco i dati comune per comune dei nuovi positivi in provincia di Salerno

Sono 33 i nuovi positivi al Covid-19 accertati a Salerno e provincia, secondo i dati forniti dall’Unità di crisi della Regione Campania relativi ai contagi di ieri. Di...

La richiesta venne prontamente accolta ed il 10 novembre 1721 entrò nel convento dei novizi. Il convento si trovava presso la chiesa di San Benedetto a Cagliari, prese così il nome di Fra’ Ignazio.

Al termine del noviziato, il 10 novembre del 1722 fece la professione religiosa. Dopo breve tempo venne trasferito da Cagliari alla casa di Iglesias. Tuttavia non si fermò ad Iglesias ma peregrinò in numerosi conventi dell’isola. Da Domusnovas a Sanluri e da Oristano a Quartu Sant’Elena, poi tornò a Cagliari dove vi rimase fino alla morte.

La sua vita da frate umile e questuante fu dedicata alla preghiera del Rosario. Era solito correre spesso per le strette vie cagliaritane in aiuto di quanti si affidavano a lui. Gli abitanti si abituarono a vederlo frequentare quelle stradine. La sua popolarità crebbe al punto che da tutta l’isola venivano ad incontrarlo. Chi veniva per chiedere consiglio chi per ricevere qualche miracolo di cui era diventato dispensatore.

Il piccolo frate divenne cieco nel 1779 e venne esonerato dagli obblighi del suo incarico. Tre anni più tardi l’11 maggio del 1781, questo frate cappuccino morì dopo anni vissuti a fianco dei poveri.

La Chiesa Cattolica gli riconobbe l’opera svolta nella sua vita dedicata soprattutto ai più deboli. La sua santità venne proclamata quando gli vennero attribuiti alcuni miracoli, come l’improvvisa guarigione di una donna inferma. Questo miracolo gli valse il processo di beatificazione.

MARTIROLOGIO ROMANO

A Càgliari, in Sardégna, sant’Ignazio da Làconi, Confessore, dell’Ordine dei Minori Cappuccini, glorioso per umiltà, carità e miracoli, che il Papa Pio dodicesimo adornò degli onori dei Santi