Sant’Angela da Foligno: vita, preghiera e martirologio della Santa del 4 gennaio

Oggi lunedì 4 gennaio la chiesa cattolica celebra Sant’Angela da Foligno.

Sant’Angela da Foligno: vita, preghiera e martirologio della Santa del 4 gennaio

Angela nacque in una famiglia di Foligno, si sposò in giovane età e trascorse una vita mondana. Angela si convertì tramite una confessione al cappellano del vescovo in una data che gli studiosi collocano all’incirca verso il 1285.

Dopo la morte del marito, dei figli e della madre, entrò nel Terz’ordine Francescano nel 1291, vivendo sull’esempio di Francesco d’Assisi in penitenza e nella radicale imitazione di Gesù Cristo, meditando soprattutto la sua Passione, come fece Margherita da Cortona e più tardi Camilla da Varano, ossia la clarissa suor Battista.

Angela da Foligno morì il 4 gennaio 1309, come è scritto in uno dei diversi codici manoscritti del Liber e venne da sempre venerata con il titolo di Beata e Magistra Theologorum, ossia Maestra dei Teologi, perché in vita attorno a lei si era raccolto un Cenacolo di figli spirituali, tra i quali si annovera Ubertino da Casale. Il suo corpo riposa a Foligno nella chiesa di San Francesco e santuario di Santa Angela.

Sant’Angela, per verificare le sue esperienze mistiche iniziò a confidarsi con un frate, suo parente e consigliere spirituale. Egli stese un Memoriale, da sottoporre a esperti tra cui il cardinale Giacomo Colonna, che l’approvò prima del 1297.

Questa “autobiografia spirituale” mostra i trenta passi che l’anima compie raggiungendo l’intima comunione con Dio, attraverso la meditazione dei misteri di Cristo, sull’Eucaristia, e intorno alle tentazioni e alle penitenze.

MARTIROLOGIO ROMANO

A Foligno in Umbria, beata Angela, che, morti il marito e i figli, seguendo le orme di san Francesco, si diede completamente a Dio e affidò alla propria autobiografia le sue profonde esperienze di vita mistica.

PREGHIERA

Beata Angela da Foligno!
Grandi meraviglie ha compiuto in te il Signore.
Noi oggi, con animo grato, contempliamo e adoriamo l’arcano mistero della divina misericordia, che ti ha guidata sulla via della Croce fino alle vette dell’eroismo e della santità. Illuminata dalla predicazione della Parola, purificata dal Sacramento della Penitenza, tu sei diventata fulgido esempio di virtù evangeliche, maestra sapiente di discernimento cristiano, guida sicura nel cammino della perfezione.

Hai conosciuto la tristezza del peccato, hai speRimentato la “perfetta letizia” del perdono di Dio. A te Cristo si è rivolto con i dolci titoli di “figlia della pace” e di “figlia della divina sapienza”. Beata Angela! confidiamo nella tua intercessione, invochiamo il tuo aiuto , perché sincera e perseverante sia la conversione di chi, sulle tue orme, abbandona il peccato e si apre alla grazia divina. Sostieni quanti intendono seguirti sulla strada della fedeltà a Cristo crocifisso nelle famiglie e nelle Comunità religiose di questa Città e dell’intera Regione. Fa’ che i giovani ti sentano vicina, guidali alla scoperta della loro vocazione, perché la loro vita si apra alla gioia e all’amore.

Sostieni quanti, stanchi e sfiduciati, camminano con fatica fra dolori fisici e spirituali.
Sii luminoso modello di femminilità evangelica per ogni donna: per le vergini e le spose, per le madri e le vedove. La luce di Cristo, che rifulse nella tua difficile esistenza, brilli anche sul loro cammino quotidiano. Implora, infine, la pace per noi tutti e per il mondo intero. Ottieni per la Chiesa, impegnata nella nuova evangelizzazione, il dono di numerosi apostoli, di sante vocazioni sacerdotali e religiose.

Per la Comunità diocesana di Foligno implora la grazia di un’indomita fede, di una fattiva speranza e di un’ardente carità, perché, seguendo le indicazioni del recente Sinodo, avanzi spedita sulla strada della santità, annunciando e testimoniando senza sosta la perenne novità del Vangelo.
Beata Angela, prega per noi!