Santa Cristina di Bolsena: vita e martirologio della Santa del 24 Luglio

Oggi 24 luglio la Chiesa Cattolica celebra Santa Cristina di Bolsena Martire, protettrice delle frecce, della mola, dai serpenti.

Santa Cristina di Bolsena: vita e martirologio della Santa del 24 Luglio

Santa Cristina di Bolsena, Cristina da Tiro, per la Chiesa Ortodossa Cristina la Grande Martire, secondo la tradizione agiografica, fu una credente cristiana martirizzata durante la persecuzione dei cristiani sotto Diocleziano, agli inizi del IV secolo.

Le scoperte archeologiche a Bolsena indicano che la venerazione di santa Cristina, vergine e martire, risale almeno al IV secolo: presso quello che è indicato come sepolcro della santa, infatti, era sorto un cimitero sotterraneo.

La vicenda della martire è raccontata dalla cosiddetta Passione di Santa Cristina, uno scritto agiografico che risale almeno al VI secolo. Il racconto narra di una giovane undicenne di nome Cristina, che, per la straordinaria bellezza, fu segregata in una torre dal padre Urbano, ufficiale dell’imperatore, in compagnia di dodici ancelle.

A nulla sarebbero valsi i tentativi del padre di costringere la figlia, divenuta cristiana, a rinunciare alla sua fede; il padre passò allora dalle blandizie alle percosse: la fece flagellare e rinchiudere in carcere e, in seguito, la consegnò ai giudici che le inflissero vari e terribili supplizi. Nel carcere dove fu gettata a languire venne consolata e guarita da tre angeli.

Fu poi condotta al supplizio finale: legatale una pesante pietra al collo, la gettarono nelle acque del lago; la pietra però, sorretta dagli angeli, galleggiò e riportò a riva la fanciulla.

A quella vista, Urbano non resse al dolore e morì. Cristina fu ricondotta in prigione e a Urbano successe un altro persecutore di nome Dione. I giudici tornarono a infierire su di lei condannandola a terrificanti quanto inefficaci torture fino a quando non la uccisero con due frecce.

Santa Cristina viene celebrata in tantissime città d’Italia e non solo tra le quali: Toffia,  Palermo; Ciudad de Osma, Huerta de Abajo e ovviamente Bolsena.

PRATICA

Sappiamo rinunciare a qualche comodità per visitare Gesù nelle chiese, ove continuamente ci attende.

PREGHIERA

Deh, Signore, ci ottenga misericordia la beata vergine e martire Cristina, la quale ti fu sempre accetta e per il merito della castità e per il coraggio col quale ti ha confessato.

MARTIROLOGIO ROMANO

A Bolsena nel Lazio, santa Cristina, vergine e martire.