Leggende della Costiera: il giorno di San Giovanni Battista e la trave di fuoco

Quante usanze e quanti rituali abbiamo al Sud Italia, e anche nella Divina Costiera ce ne sono parecchi, derivati spesso da superstizioni e leggende, come quella che riguarda il giorno in cui si celebra la festa di San Giovanni Battista.

Fino a poco tempo fa, in Costa d’Amalfi, c’era l’abitudine di non fare assolutamente il primo bagno a mare prima del 24 Giugno.

Ma perchè questa strana usanza?

Chi è Zoe Mallucci la tentatrice di Andrea Ippoliti Temptation Island

Zoe Mallucci è stata una delle protagoniste di questa edizione di Temptation Island Vip, dove ha vestito i panni della tentatrice.Nel suo percorso televisivo si...

La leggenda antica narra che nella notte del giorno di San Giovanni Battista una trave di fuoco scende del cielo e riscaldi magicamente l’acqua, rendendola più ospitale, specie per le persone anziane, per le quale solo dopo il 24 Giugno iniziava così l’estate.

La leggenda racconta anche oltre alla trave di fuoco, dal cielo cadono anche dei pezzi di carboncino, che venivano poi ritrovato il giorno dopo nel terriccio della vegetazione.

Il detto, a proposito, dice proprio così: care ò trave è fuoco a mare”.

E ancora un altro proverbio cita: “San Giuvann’ vò tre muort’ l’anno, uno acciso, uno scapezzato ed uno affogato”. Quindi bagno vietatissimo.

Secondo altri, la caduta della trave di fuoco rappresenta la discesa dello Spirito Santo nel mare e, quindi, il giorno del santo è il giorno adatto per farsi il bagno immergendosi così nell’acqua benedetta da San Giovanni Battista.

Quanti bimbi e quanti ragazzi, anni addietro, sono stati bloccati da genitori e nonni nel fare il primo bagno nell’acqua marina, per colpa di questo mito.

E allora si attendeva trepidamente il momento propizio per andare alla spiaggia, rimanendo per giorni interi, anche molto caldi, a desiderare il mare.

Forse all’epoca i grandi non avevano tutti i torti ad aspettare il giorno di San Giovanni Battista per permettere ai più piccoli di tuffarsi: in effetti l’acqua del mare nelle prime due settimane di Giugno è sempre un pò freddina, ed immergersi può portare a raffreddamenti, specialmente nei più giovani o nelle persone anziane.

Quindi, come vediamo, le piccole leggende, hanno sempre un fondamento di verità.