Salerno e le Sue Imprese Storiche: la Casa di Moda Bignardi

Un’eccellenza della moda nel mondo è la storica ditta di Salerno Bignardi & Bignardi.

La casa di moda Bignardi & Bignardi è nata in città dopo la metà dell’Ottocento ed è famosa per aver esportato in ogni posto del mondo le sue creazioni.

La Bignardi & Bignardi ancora oggi porta Salerno nel mondo da quattro generazioni.

La Casa di Moda Bignardi & Bignardi: ecco come tutto ebbe inizio..

Stefano Sala Grande Fratello Vip: chi è, età, vita privata e curiosità sul concorrente

Oggi in prima serata su Canale 5 sarà trasmessa la nuova puntata del Grande Fratello Vip che tra i concorrenti annovera in nome di Stefano Sala. Il programma condotto da Ilary...

Intorno al 1860, un aitante ragazzo emiliano al seguito delle truppe Garibaldine che, a Salerno, lavorava presso un istituto di credito, passava per via Giovanni da Procida a Salerno.

In quel momento incrociando lo sguardo intenso di Giovanna, una bella modista, intenta, sull’uscio della bottega, alla creazione di un cappello.

Nel pieno disaccordo dei genitori, uno di fede borbonica, l’altro aiutante di campo del Duca di Parma di lì a poco i due si sposarono.

Inizialmente il salone di modista, era verso Largo Campo, nella parte più vecchia della città.

Allora quella zona, tra il 1870 e il ‘900, era l’area commerciale della città di Salerno.

Mariano inizialmente continua la sua attivitá fino a quando fonda la Ditta “Mariano Bignardi” che si aprì all’innovazione.

Così vennero introdotti nel processo lavorativo nuovi macchinari come la plissettatrice a gas, vera novità tecnologica dell’epoca.

Infatti nella carta intestata c’era un fregio altissimo con la dicitura: macchina automatica per la plissettatura.

Da Mariano a Rodolfo Bignardi

La Ditta poi mutò in Rodolfo Bignardi.

Rodolfo, da collaudatore di armi subacquee della I° Guerra Mondiale, lavorava con la moglie, una modista napoletana, Teresa Quintigliani, sposata in seconde nozze.

La prima moglie era morta con la spagnola assieme alla figlia Giovanna.

La Quintigliani già faceva cappelli per la regina ed era modista di casa Croce e Scarpetta e della Serao.

Così, ella ampliò il laboratorio con nuove lavorazioni di nuovi accessori quali sciarpe, ricami, guanti, fiori di seta, vestiti da battesimo e comunione, pellicceria ed infine divise balilla.

Il nome di Teresa Quintigliani Bignardi fu conosciuto anche a Parigi.

Infatti Teresa in collaborazione con la sorella Clementina, aprì un opificio.

Lì furono creati cappelli dalle falde colme di variopinti uccelli esotici e di frutta perfettamente imitati.

Dopo l’ultima guerra, l’azienda passò al secondo Mariano Bignardi che, con la moglie Emma, diffonderà in boutiques e sartorie di tutta Italia le sue creazioni.

Bignardi & Bignardi a Salerno: dagli anni ’70 in poi…

Solo nel ’71 la titolarità aziendale andò ad una donna, Annamaria.

Ella con i fratelli Rodolfo, direttore commerciale, Guglielmo, Ruggiero e Massimo, ancora studenti e poi noti professionisti, porterà la griffe “Fratelli Bignardi” in molte fiere internazionali.

E non è tutto: Annamaria, a partire dal 1977, è stata consulente stilistica, per venti anni di note griffe lombarde.

Dal 1986 la Ditta raddoppierà al femminile con Maria Elisa Morrone, moglie di Massimo, e Annamaria e la sua attività è ancora oggi fiorente e con il marchio Bignardi & Bignardi, è nota anche all’estero.

Ancora oggi infatti la stilista Annamaria Bignardi e la cognata socia in affari Elisa Morrone dirigono la casa di moda Bignardi con grande successo portando la griffe salernitana Bignardi & Bignardi in giro nel mondo

Alcune vicende della famiglia Bignardi e l’operosità delle artigiane salernitane hanno dato spunto ad un film per la televisione del 2001.

Si tratta di un film diretto da Lina Wertmüller con Sophia Loren e Giancarlo Giannini, “Francesca e Nunziata”.

Fonte: gruppo Facebook “Salerno Ieri e Oggi”