Salerno omaggia De Andrè: l’11 gennaio concerto per Faber all’Augusteo

A Salerno nel 1998 mise piede per l’ultima volta. Era il 21 gennaio, quando Fabrizio De Andrè fece tappa col suo tour «Mi Innamoravo di Tutto» al Teatro Verdi.

Fu quella la sua ultima apparizione in città. Ma non in provincia, perché nell’estate dello stesso anno al porto di Palinuro irruppe con la sua voce meravigliosa e quel fascino immutato delle sue melodie. A Palinuro fu una data memorabile quella del 18 Luglio 1998, una data che segnò anche l’ultimo suo concerto all’aperto.

Un rapporto tra De Andrè e la provincia di Salerno che si rafforzò dopo quella sua lunga permanenza in Costiera Amalfitana: tra Vietri e Cetara.

Mata Hari: chi era e la storia della danzatrice, spia durante la prima guerra...

Margaretha Gertruida Zelle, meglio conosciuta come Mata Hari, è stata la regina di tutte le spie. Dotata di un fascino leggendario, sembra che nessun uomo...

E oggi proprio Salerno intende tributare il suo omaggio al grande artista che ha vissuto la sua esistenza sempre «in direzione ostinata e contraria».

“Navigammo su fragili vascelli/ per affrontar del mondo la burrasca/ ed avevamo gli occhi troppo belli/ che la pietà non vi rimanga in tasca”. Il celebre recitativo (due invocazioni e un atto d’accusa) di Fabrizio De André, testo trasgressivo e maledetto che dipinge quello che è il destino di ogni uomo, offre il titolo al concerto evento di venerdì 11 gennaio, promosso dall’associazione Tempi Moderni nell’ambito della terza edizione de “I racconti del contemporaneo”.

La scelta della data non è casuale, venerdì ricorre il ventennale della morte del cantautore genovese (11 gennaio 1999).

In considerazione dell’eccezionale domanda da parte del pubblico, lo spettacolo, inizialmente pensato per gli spazi di Palazzo Fruscione, dove fino al 27 gennaio sarà possibile ammirare la mostra dell’artista romano Maurizio Savini, si terrà – grazie alla disponibilità dell’amministrazione comunale di Salerno – al Teatro Augusteo di via Roma.

Sul palco saliranno Michele Ascolese, Carlo Ghirardato e Domenico Ingenito, mentre l’introduzione è affidata allo scrittore Diego De Silva. Ad aprire la serata sarà la voce di Antonella Valitutti.

Il concerto gode del patrocinio morale della Fondazione De André e vedrà la collaborazione dell’artista americano Stephen Alcorn, autore di diverse opere, ispirate al cantautore genovese ed ai suoi brani più famosi, che saranno proiettate in video.

Nel foyer dell’Augusteo il personale della Open Onlus provvederà a una raccolta fondi a sostegno dell’associazione impegnata nella lotta contro i tumori che colpiscono i bambini.

L’ingresso al concerto è gratuito, previa prenotazione on line (booking@tempimodernieventi.com) o direttamente a Palazzo Fruscione.

Per prenotarsi c’è tempo fino alle ore 13 di venerdì 11 gennaio.