Salerno: Palazzo Sant’Antuono ovvero Municipio Vecchio

Il palazzo del Municipio Vecchio di Salerno come è oggi - Foto Antonio Palo Facebook

Il Palazzo Sant’Antuono, detto anche Municipio Vecchio di Salerno corrisponde ad un elegante edificio posto ad angolo tra via dei Canali e lo stretto vicolo Municipio Vecchio, con ingresso posto sul Largo San Pietro a Corte.

Le prime notizie che lo riguardano risalgono al 1578 e riportano la realizzazione di un orologio, non più presente, lungo la sua facciata, ma l’area era notoriamente abitata già dal periodo longobardo, quando li insisteva la corte principesca e l’edificio ha certamente sostituito una fabbrica preesistente.

Il palazzetto del Vecchio Municipio di Salerno si presenta con una pianta rettangolare, impostato su tre livelli segnati da marcapiano con strutture verticali in muratura di pietra intonacata, decorata da bugnature e motivi architettonici di stampo classico.

Arrestato il fuggitivo di venerdì santo. Nel porto di Amalfi fece perdere le tracce

Sfuggì alla cattura nella notte di venerdì santo e a distanza di poco più di tre mesi da quella serata concitata e movimentata i...

All’epoca dell’edificazione era dotato di una gradinata che insisteva sull’attuale Largo San Pietro a Corte, eliminata a fine ottocento quando l’edificio fu ristrutturato ed assunse l’aspetto attuale in cui i registri architettonici si rifanno ai palazzi nobiliari del ‘700 napoletano. L’ingresso attuale, molto semplice, è scandito da un portale lapideo con arco a tutto sesto.

Con la costruzione, nel 1936, dell’attuale Palazzo di Città di Salerno, perse la sua funzione di sede del Governo Cittadino, ma è ancora ben visibile all’esterno la pietra su cui è incisa la scritta “MUNICIPIO”.

La sua presenza ha dato il nome all’intero rione in cui sorge, ovvero Rione Municipio.

Il Rione Municipio è la zona comprendente via dei Canali, Via Dogana Vecchia, vicolo Duca Ruggero, vicolo Municipio Vecchio ed i Gradoni della Madonna della Lama. In epoca longobarda, in questo quartiere, aveva sede un maestoso maniero, sede della corte, di cui oggi è rimasta solo la torre di Guaiferio, facente parte del sistema difensivo della città.

Il Rione è di rilevante importanza per i vari vicoli che lo caratterizzano e ne ricordano l’origine medioevale, come ad esempio vicolo Pietra del Pesce, in cui venivano posati, su blocchi di pietra, i pesci in vendita.