Salerno: doppio appuntamento con Mutaverso Teatro l’8 e il 15 febbraio

A Salerno la stagione Mutaverso Teatro diretta da Vincenzo Albano / Erre Teatro prosegue nel mese di febbraio all’Auditorium Centro Sociale a Pastena di Salerno con due prime regionali, di cui una data unica in Campania.

Venerdì 8 febbraio arriva in prima regionale “Vieni su Marte” della compagnia Vico Quarto Mazzini, in sinergia con il teatro NEST di Napoli, dove sarà in scena il 9 e il 10 febbraio. Lo spettacolo è diretto e interpretato da Michele Altamura e Gabriele Paolocà, e scritto da quest’ultimo.

Attraverso diverse storie, ispirate al progetto dal nome “Mars One” che fu lanciato nel 2012 con l’intenzione di costruire una colonia permanente sul pianeta rosso, “Vieni su Marte” affronta il tema della partenza, intesa come il moto a luogo che da sempre definisce l’umanità e il suo essere in un disequilibrio costante tra la voglia di cambiamento e il desiderio di affermazione. Per essere selezionati al progetto “Mars One” si doveva postare un video su internet in cui motivare il desiderio di divenire per sempre “marziani”. Le candidature arrivate furono 202.568.

Serena Rutelli: chi è, età, fidanzato e lavoro della concorrente Grande Fratello

Serena Rutelli è una delle protagoniste di questa edizione del Grande Fratello.La conduttrice, Barbara D'Urso ha voluto mixare tra i partecipanti persone che ospiti dei suoi programmi e...

Lo spettacolo vuole essere, quindi, su un livello più profondo, una riflessione sul desiderio di evasione: quando non si può avere la realtà, un sogno vale la realtà, allora ecco che forse Marte è soltanto una metafora, il sogno di un altrove, di una terra promessa.

Dopo i Vico Quarto Mazzini, venerdì 15 febbraio sarà la volta del duo composto da Claudia Marsicano e Francesco Alberici, i Frigoproduzioni: in prima regionale, con una data unica in Campania, “Socialmente”, pluripremiato, raffinato, pittoresco ritratto di una generazione “TV and Facebook addicted”. Uno spaccato atemporale della vita di due giovani totalmente alienati.

In un’allucinazione continua, scorrono i sogni di successo e gli incubi di fallimento di due soggetti desiderosi di “essere” ma incapaci di farlo. Grazie all’uso di un linguaggio che implode e si disintegra – non si comunica attraverso il dialogo, ma con lunghi silenzi e improvvise esplosioni – e alla mancanza di una netta demarcazione tra azione e pensiero, realtà e irrealtà si confondono così come accade sempre più nella vita di tutti i giorni.

Il costo del biglietto unico intero: 10 euro. Possibilità di acquisto tramite carta del docente. Info e prenotazioni: info@erreteatro.it |Tel. 329 4022021