Salerno: 400 milioni per il nuovo ospedale. De Luca: «Abbiamo salvato 5 presidi»

foto Massimo Pica

Il governatore della Campania presenta a Salerno il nuovo piano ospedaliero e annuncia la realizzazione di un nuovo ospedale provinciale. «Entro aprile presenteremo il bando di progettazione per il nuovo Ruggi, che sorgerà a 200 metri di distanza dall’attuale, per un investimento di 400 milioni. Contiamo di chiuderla entro un anno, dopodiché si farà la gara» ha detto ieri mattina Vincenzo De Luca presso la sala Pasolini.

La realizzazione del nuovo presidio dovrebbe avvenire nell’area dove stava sorgendo Finmatica attraverso la messa in campo di un bando di respiro architettonico internazionale.
«Lavorando su diversi capitoli finanziari abbiamo recuperato 400 milioni, avendo concordato col Comune anche un piccolo spostamento rispetto al luogo dove era previsto il nuovo Ruggi» ha detto poi De Luca. Stando al vecchio progetto, infatti, la realizzazione del nuovo presidio era prevista dove praticamente ora è il Ruggi. Problemi di superficie e di compatibilità con le attività in corso dell’ospedale, però, hanno consigliato di fare un’altra opzione, facendo cadere la scelta sull’area dove stava nascendo Finmatica.

«A 100 metri di distanza abbiamo un’area pianeggiante che non interferisce con l’attività del Ruggi, dove si pensa di realizzare il nuovo ospedale – ha spiegato il governatore – Entro aprile pubblichiamo il bando per la progettazione, seguendo anche una linea nostra e dell’amministrazione comunale. Cercheremo di realizzare anche qui un’opera di grande architettura contemporanea. Facciamo un bando di progettazione internazionale. L’attuale plesso resterà a disposizione sempre per attività sanitarie, per le quali le strutture non bastano mai».

Oroscopo Paolo Fox 10 Agosto: Amore, Salute e Lavoro

Ieri non è andata molto bene la giornata? Allora scoprite se questa giornata e il resto di questa settimana invece andranno meglio leggendo l'oroscopo...

L’azienda ospedaliera universitaria, nel nuovo piano ospedaliero, vede assegnati 716 posti letto, che sono tutti per acuti. Questo perché quelli per la riabilitazione verranno concentrati tutti al Da Procida, che diventa punto di eccellenza nell’ambito pubblico di alto livello, perché oltre all’unità spinale sono presenti posti letto di neuro-riabilitazione e per la riabilitazione intensiva (cardiologica, neurologica, ortopedica e polmonare). Questo permetterà a tutti gli altri plessi di svolgere la loro attività nell’ambito della rete dell’emergenza-urgenza.

Non c’è solo il nuovo Ruggi nel nuovo piano ospedaliero, ma anche interventi di edilizia sanitaria, recupero di 250 posti letto, dell’ospedale di Cava e del Da Procida, oltre quello dei pronto soccorso di Scafati, Agropoli e Ravello.

Costo complessivo mezzo miliardo di euro che la Regione mette in campo per il rilancio dell’offerta sanitaria nel salernitano. Nello specifico sono previsti 2 milioni per Oliveto Citra, 5 per Vallo della Lucania, 3,5 milioni per Battipaglia, 7 per Nocera Inferiore, 1 milione a Roccadaspide, 2 a Eboli, oltre ad altri interventi in tutto il territorio provinciale, da Scafati a Polla, a Torre Orsaia e Cava de’ Tirreni dove è previsto il recupero di 95 posti letto con medicina, chirurgia, cardiologia, ortopedia, pediatria, dermatologia, rianimazione e pronto soccorso.