Chi è Roberto Vecchioni: età, moglie, figli, curiosità e vita privata

Roberto Vecchioni è senza ombra di dubbio uno dei cantanti più conosciuti e amati del panorama musicale italiano.

Grazie alla sua voce e alle sue canzoni si è fatto amare dal milioni di italiani che lo seguono con grande affetto.

Chi è Roberto Vecchioni: età, moglie, figli, curiosità e vita privata

Roberto Michele Massimo Vecchioni, conosciuto come Roberto Vecchioni, è nato il 25 giugno del 1943 a Carate Brianza.

Campania, donna gira nuda in strada inveisce contro gli automobilisti

Sconcerto ed incredulità ieri in Campania quando una donna nuda ha iniziato a girovagare completamente nuda per le vie della sua città.L'insolito caso è...

Dopo il diploma si laurea in Lettere antiche all’Università Cattolica di Milano. In seguito diventa docente universitario presso l’Università di Torino dove insegna Forme di poesia in musica.

Gli esordi come autore di testi

Comincia la carriera nel mondo musicale come autore di testi di canzoni, in collaborazione con l’amico musicista Andrea Lo Vecchio: il primo brano pubblicato è una traduzione in italiano di Barbara Ann dei Beach Boys, incisa nel 1966 dai Pop Seven, e la particolarità di questo 45 giri è che lo stesso Vecchioni partecipa all’incisione.

Nella seconda metà degli anni sessanta e nei settanta continua la carriera di autore di testi (a partire dal 1970 anche su musiche di Renato Pareti, oltre che di Lo Vecchio) e scrive canzoni per cantanti affermati come Ornella Vanoni, Iva Zanicchi, Gigliola Cinquetti, i Nuovi Angeli, gli Homo Sapiens, le Figlie del vento ecc.

In alcuni di questi testi sono già evidenti le tematiche presenti nella sua produzione da cantautore: la nostalgia per il passato, il tema del doppio, l’uso della storia come metafora del presente (emblematica è, a questo proposito, La battaglia di Maratona incisa nel 1968 da Lo Vecchio), con evidenti influenze del lavoro letterario di Jorge Luis Borges.
Vecchioni durante un concerto nel 1979.

Nel 1968 partecipa al Festival di Sanremo come autore della canzone Sera, interpretata da Giuliana Valci e Gigliola Cinquetti, e questo fatto contribuisce a rendere Lo Vecchio e Vecchioni autori molto richiesti.

Gli anni 70

Per la Ducale Vecchioni incide, nel 1971, il suo primo album Parabola, album che contiene una delle sue canzoni più famose, Luci a San Siro, seguito l’anno dopo da Saldi di fine stagione.

Nel 1971 scrive il testo dell’inno dell’Inter, squadra della quale è noto sostenitore, Inter spaziale, musicato da Renato Pareti e cantato dal calciatore Mario Bertini.

Nel 1973 riceve il premio della critica discografica italiana per il disco Il re non si diverte. Nello stesso anno partecipa al Festival di Sanremo come compositore e interprete di L’uomo che si gioca il cielo a dadi, brano intimista dedicato al padre, che si classifica all’ottavo posto.

Nel 1975 ha una buona notorietà grazie alle canzoni della serie a cartoni animati Barbapapà, i cui brani sono stati cantati anche da Orietta Berti e Claudio Lippi.

Nel 1977 ottenne la fama presso il grande pubblico con il suo maggiore successo, Samarcanda, contenuto nell’album omonimo, ispirato a una leggenda di un soldato che fuggiva dalla morte (infatti ascoltando i primi versi sentiamo il soldato che paragona la morte a una nera signora).

Tra la fine degli anni settanta e i primi anni ottanta, Vecchioni fu conduttore, su Antenna 3 Lombardia della rubrica Telebigino, in onda di pomeriggio per 3 ore durante la quale aiutava a tradurre in diretta brani di latino e greco che i giovani telespettatori dovevano fare come compito per l’indomani.

Nel 1981 sposa l’attuale moglie, la scrittrice Daria Colombo.

Dagli anni 90 ai giorni nostri

Nel 1992 vince il Festivalbar con la canzone Voglio una donna, unico inedito del disco dal vivo Camper.

La sua attività di cantautore si intreccia con quella di scrittore. Nel 1983 esce, come allegato ad un’edizione limitata dell’album Il grande sogno, un volume omonimo edito da Milano Libri, che contiene poesie, racconti e testi per canzoni. Il suo secondo libro è del 1996, una raccolta di racconti intitolata Viaggi del tempo immobile (Einaudi).

Nel periodo dal 1984 al 1985 scrive interamente l’album OXA della cantante pugliese Anna Oxa e nel 1998 cura la voce Canzone d’autore dell’Enciclopedia Treccani.

Nel frattempo non abbandona la musica Il suo lavoro s’intreccia con la musica nel 1999 quando, sostenuto dal Ministero della pubblica istruzione, organizza un giro presso le Università e i licei d’Italia per un ciclo di conferenze sulla Storia letteraria della canzone italiana.

Torna, dopo alcuni anni, sul palco del Festival di Sanremo nel 2011 con la bellissima  Chiamami ancora amore, con la quale vince la manifestazione.

Vita privata di Roberto Vecchioni

Nel 1981 sposa Daniela Colombo, dal loro amore nascono quattro figli: Arrigo, Edoardo, Francesca e Carolina.