Dalla Regione 135 milioni per i porti campani: ci sono anche Maiori e Cetara

Sono 135 i milioni di euro che la Regione Campania ha stanziato per la messa in sicurezza, la riqualificazione e la valorizzazione turistico – economica del sistema portuale regionale.

Gli interventi, che interesseranno anche due porti della Costiera Amalfitana, quelli di Maiori e Cetara, prevedono il miglioramento delle infrastrutture e dei sevizi, l’accessibilità, l’integrazione con le aree retro portuali ed una particolare attenzione  sarà riservata alla salvaguardia ambientale e all’utilizzo di tecnologie innovative.

I progetti presentati alla Regione sono stati 50, per un totale di 12 enti. Di questi ultimi: 12 sono finanziati con progetto esecutivo (per un valore di oltre 67 Milioni di Euro), 8 con progetto definitivo (per un valore di oltre 63 Milioni di Euro), e 9 con progetto diverso, per i quali si prevede di finanziare il completamento della progettazione.

Button presto papà. La compagna rivela: «Vacanza più romantica in Costiera»

Jenson Button diventerà presto papà. L’ex campione del mondo di Formula, 38 anni, ha annunciato che si aspetta il suo primo figlio dalla fidanzata...

Per quanto riguarda il Salernitano sono tredici i progetti presentati dalle amministrazioni comunali e approvati dalla Regione Campania per un totale di 70 milioni di euro.

Alcuni dei progetti approvati da Palazzo Santa Lucia sono già in fase avanzata e pronti alle procedure di gara per l’avvia dei cantieri. Altri invece devono ancora affrontare la parte finale della progettazione.

Tra i lavori immediatamente cantierabili rientrano i progetti presentati da sette Comuni salernitani: Maiori e Cetara in Costiera Amalfitana, e poi Agropoli, Pollica, Castellabate e Pisciotta in Cilento, e Santa Marina nel golfo di Policastro.

Sono, invece, in fase definitiva i progetti presentati della amministrazioni comunali, tutte cilentane, di Casalvelino, Ascea, Ispani, San Giovanni a Piro, Centola e Carnerota. Escluso da questo specifico bando il porto di Salerno, perché destinatario dei fondi legati al grande progetto infrastrutturale.