Ripertura SS 163 Amalfitana, il sindaco Milano:”Oggi Amalfi ricuce la sua ferita”

E’ partita puntuale alle 11.00 la cerimionia di apertura ad Amalfi della SS 163 dopo la frana dello scorso 2 febbraio che divise in due la Costa Amalfitana.

Primo a prendere la parola il primo cittadino di Amalfi Daniele Milano:

«Oggi non è un giorno di festa per Amalfi, oggi è il giorno di dire grazie alle Istituzioni che nel giorno della sciagura ci sono state vicine e ci hanno fatto sentire meno soli. In quei giornoi ho sentito forte la presenza dello Stato, di tutta le linea emergenziale, della Regione Campania, della Protezione Civile, della Prefettura, del Genio Civile e dei battellieri che si sono subito mobilitati via mare».

Il bistrot brasiliano Gusto Artigianale di Maiori cerca figure professionali. Ecco quali

Il bistrot brasiliano Gusto Artigianale di Maiori è alla ricerca di nuove figure professionali che possano entrare a far parte del team sin da...

Quel giorno di grande trambusto è stato vissuto anche con una grande compostezza. Immediato poi l’intervento della Regione con un tavolo tecnico in cui è stato impresso un indirizzo chiaro per risolvere i problemi decisa. Un grazie al Comune di Amalfi, alla struttura degli uffici, ai tecnici e ai proggettisti».

«Ringrazio Anas con cui la collaborazione è stata totale, senza di loro tempi sarebbe stato impossibile riaprire la statale non in tempo, ma in anticipo. Le maestranze hanno lavorato notte e giorno. Ringrazio tutta la popolazione che ha avuto pazienza della situazione con le maestranze hanno lavorato notte e giorno».

«La riapertura della Statale oggi è una buona notizia in vista della stagione turistica, è un segnale di ripresa e di rilancio. Facendomi interprete delle categorie produttive ribadisco quanto sia importante vaccinare il comparto turistico anche in Costa d’Amalfi».

«Nei prossimi giorni non appensa sarà giudicata la relativa gara, sarà montato il cantiere sospeso per la ricostruzione di Via Annunziatella. Il mio pensiero va a chi ha dovuto abbandonare la propria casa. Oggi Amalfi ricuce una ferita che ricoderemo per sempre».