Ripartenza turistica in Costiera: Tramonti al Tg3 Campania con i suoi Sentieri / Video

Il Comune di Tramonti e le sue bellezze paesaggistiche sono stati i protagonisti di un servizio del Tg3 andato in onda questo pomeriggio alle 14.00.

Nel servizio del telegionale dedicato esclusivamente alla Regione Campania si è parlato della ripartenza del turismo in Costiera Amalfitana. Non solo mare ed enogastronomia ma anche bellissimi sentieri.

E Tramonti, polmone verde della Costiera, di sentieri bellissimi e caratteristici ne ha vari, dai più semplici, anche per famiglie, a quelli un po’ più complicati per amanti del trekking ed escursionisti.

Covid, dati falsi al ristorante a Massa Lubrense: De Luca: “siamo alla stupidità assoluta”

Sono 6 le persone contagiate dal Covid a Massa Lubrense, e non a Vico Equense come si era detto erroneamente in un primo momento, tra...

“Tramonti, lussureggiante culla dei sensi alle spalle della Costiera Amalfitana – declama l’inviato di Rai3 Luigi Carbone – punta su natura, enogastronomia e sui 70 Km di sentieri ripristinati dall’Associazione Amalfi Coast Trekking”.

«I sentieri di Tramonti sono tutti molto caratteristici – ha affermato Matteo Giordano, guida escursionistica, -. Partiamo dai 200 – 300 metri dove abbiamo le coltivaizoni di limoni e mano a mano che si sale troviamo viti, olivi e a 1200 metri i castagni. Tra i sentieri più caratteristici di Tramonti quello delle 13 chiese, un sentiero semiurbano che attraversa tutti i 13 borghi del comune».

«E poi il Sentiero delle Formichelle – continua la guida Giordano – che da Tramonti arriva al Sentiero dei Limoni di Minori che rievoca il lavoro duro delle donne trasportatrici di limoni e poi, per i più esperti e gli amanti del trekking, il Sentiero del Monte Finestra e il Sentiero del Monte Cerreto con panorama mozzafiato sul Golfo di Napoli, su Salerno e tutta la Costiera Amalfitana».

«Quello di quest’anno sarà un turismo slow, emozionale e alternativo – ha dichiarato Vincenzo Savino, vicesindaco di Tramonti -. Un tipo di turismo del tutto diverso da quello dello scorso anno ma che comunque vale la pena scoprire».