Rione Sanità a Napoli: Storia, Descrizione, Cosa Vedere, Come Arrivare

Un'immagine da Palazzo Spagnuolo, nel Rione Sanità a Napoli

Il rione Sanità è uno dei rioni di Napoli, facente parte della Municipalità 3 Stella-San Carlo all’Arena.

Corrisponde ad un’area ubicata a nord delle mura vicereali di Napoli e precisamente a Nord del Borgo dei Vergini fino alle falde della collina di Capodimonte.

Precisamente inizia da piazza Vergini e comprende la zona di Via Sanità, Piazza Sanità, fino alla zona dell’Ospedale San Gennaro detto dei Poveri.

Rione Sanità a Napoli: Storia e Descrizione del Quartiere

Million day 11 Gennaio: ecco i numeri vincenti di oggi

Con l'arrivo del 2020 non si fermano le estrazioni del Million Day, il gioco di lottomatica che ha fatto il suo esordio un anno e...

Il Rione Sanità a Napoli ha alle spalle una lunga storia che lo ha trasformato da elegante zona nobiliare a quartiere popolare e fu fondato nel XVI secolo in un vallone che i greci e i romani usavano in precedenza come luogo di sepoltura.

È attualmente una delle zone più popolari della città.

Inizialmente fu costruito per dare residenza alle famiglie nobili e ai borghesi più facoltosi.

Ne sono testimonianza gli eleganti Palazzo dello Spagnolo e Palazzo Sanfelice, realizzati tra il secondo ed il terzo decennio del 1700.

Deve il suo nome all’eccellente qualità dell’aria che nel 1500 lo rendeva una delle zone più incontaminate di Napoli ed era noto proprio per la sua salubitras, grazie alle campagne che lo circondavano e alle catacombe in cui avvenivano guarigioni miracolose.

Vi si trovava anche un lazzaretto per appestati, molto utilizzato soprattutto durante la peste del 1652 e che al giorno d’oggi è diventato l’Ospedale di San Gennaro dei Poveri.

Il Rione Sanità è famoso anche perché vi nacque Totò, una delle figure più importanti del cinema e del teatro italiani che fu anche poeta, drammaturgo e cantante.

Inoltre, tra le sue strade sono stati girati importanti film come “L’Oro di Napoli” e “Ieri, Oggi e Domani”.

Si sviluppò urbanisticamente dal XVII secolo, a partire dalla costruzione della Basilica di Santa Maria della Sanità, diventando l’area prescelta da nobili e borghesi napoletani per le proprie dimore.

Nel XVIII secolo le sue strade diventarono il percorso della famiglia reale dal centro della città alla Reggia di Capodimonte.

Il percorso risultava particolarmente tortuoso, per questo si ritenne necessaria la costruzione di un collegamento diretto, il Ponte della Sanità, causando in questo modo l’isolamento del quartiere.

Ecco perché la percezione è quella di una periferia al centro di Napoli.

Una foto dal Ponte della Sanità a Napoli – Foto marianoricciosole

Il Ponte della Sanità

La prima cosa che colpisce quando si arriva al Rione Sanità è l’imponente Ponte Maddalena Cerasuolo, anche conosciuto come Ponte della Sanità.

Questo ponte scavalca l’intero rione sovrastando le case e tagliando letteralmente gli edifici circostanti.

Edificato agli inizi del 1800 dai francesi, il ponte aveva la funzione di collegamento della Reggia di Capodimonte con il resto della città senza dover passare attraverso gli stretti vicoli del vallone della Sanità.

La sua esistenza però fece si che la maggior parte della gente potesse spostarsi senza dover scendere nel rione, che diventò di fatto una periferia nel centro della città.

Negli anni passati questa zona è stata teatro di atti di malavita e quindi vittima di pregiudizi, anche da parte degli stessi napoletani.

Ma da più di 5 anni, dopo un lungo processo di apertura e bonifica delle aree più chiuse del quartiere, il Rione Sanità sta vivendo una rinascita.

Ciò ha permesso a molte realtà locali di riscoprire le bellezze che il quartiere offre e proporle come meta di visita per i turisti.

Il Rione Sanità è costituito da una stratificazione sotterranea senza eguali che ben testimonia il rapporto tra i suoi residenti ed il mondo dei morti, già dal IV secolo a.C.

Ci sono importanti ritrovamenti della necropoli ellenistica, come le Catacombe di San Gennaro e San Gaudioso, e le tombe monumentali greche degli ipogei risalenti anche a duemila anni fa.

Cosa vedere nel Rione Sanità a Napoli

Nel Rione Sanità ci sono alcuni dei siti di interesse più importanti ed affascinanti della città di Napoli:

  • Cimitero delle Fontanelle
  • Palazzo Sanfelice
  • Palazzo dello Spagnolo
  • Catacombe di San Gennaro
  • Basilica di San Gennaro fuori le mura
  • Catacombe di San Gaudioso
  • Chiostro di Santa Maria della Sanità
  • Catacombe di San Severo
  • Chiesa di Santa Maria Antesaecula
  • Ipogei in via Cristallini

Come Arrivare al Rione Sanità

Potete giunfere prendendo la metropolitana, Linea 2, fermata Piazza Cavour.

In alternativa avete anche l’autobus.

Le linee da poter prendere sono la C51, C52: fermata via Vergini; oppure linee E1, C57, 201: fermata Piazza Cavour.

Ancora potete prendere come autobus le linee R4, C63 178, 2M, e scendere alla fermata Ponte della Sanità, e poi prendere ascensore Sanità.