Rifiuti in via Croce tra Cava e Pellezzano: ieri incontro al comune metelliano

Un incontro intercomunale per cercare di contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nei valloni che costeggiano la strada provinciale 129 che collega Croce di Cava de’ Tirreni al Comune di Pellezzano.

Alla riunione, tenutasi a Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni, promossa dal vicesindaco con delega all’Ambiente, Nunzio Senatore, erano presenti il vicesindaco di Pellezzano, Michele Murino, i rappresentanti delle rispettive città della Polizia Municipale e degli uffici tecnici comunali, dell’Associazione ambientalista molto attiva sul territorio Anpana e della Metellia Servizi.

“Il prossimo passaggio istituzionale – afferma il vicesindaco, Senatore – sarà quello di un tavolo di concertazione con la provincia per mettere in campo un serie di attività che devono indurre a scoraggiare che quell’area venga utilizzata come una pattumiera dove è possibile scaricare di tutto e di più in maniera indisturbata e impunita. C’è bisogno di realizzare delle opere di protezione dei valloni, di dossi per limitare la velocità dei veicoli e soprattutto un sistema di videosorveglianza in grado di identificare le targhe dei veicoli e lanciare allert in caso di scarichi”.

Incidente tra Maiori e Minori, scontro tra un furgoncino e uno scooter

Incidente nella tarda mattinata di oggi tra Maiori e Minori dove un furgoncino si è scontrato con uno scooter nei pressi della "Torricella". Uno dei due...

Un’area molto isolata, esposta purtroppo al fenomeno dell’abbandono indiscriminato di ogni tipo di rifiuto, non solo ai lati della carreggiata della strada provinciale, ma addirittura scaraventati nei burroni e dirupi, devastando la ricca vegetazione e l’intero ecosistema.

“Oggi mancava qualche rappresentante della Provincia, pur invitato – afferma il vicesindaco Murino – che deve attivarsi in maniera concreta e non più procrastinabile nella vigilanza con la polizia provinciale e nella realizzazione delle opere come guardrail. I Comuni di Pellezzano e Cava de’ Tirreni non possono subire questa inerzia”.