Riapre a Bacoli la Casina Vanvitelliana: orari e prezzi

A Bacoli, in provincia di Napoli, su un’isoletta del Lago Fusaro, ha riaperto le sue porte la Casina Vanvitelliana.

La Casina Vanvitelliana è visitabile durante tutti i fine settimana, dalle 18.00 alle 21.00 e, fino al 31 luglio, si può ammirare al suo interno anche una mostra pittorica. Nello specifico sarà possibile accedere al sito borbonico dal venerdì alla domenica dalle 18.00 alle 21.00 mentre, durante gli altri giorni della settimana soltanto su prenotazione (per un gruppo minimo di 10 persone) chiamando al 3791030885. Il costo del biglietto è di 3 euro.

La Casina Vanvitelliana fu costruita dall’architetto Carlo Vanvitelli, figlio di Luigi che progettò la Reggia di Caserta, su commissione di Ferdinando IV di Borbone, nell’anno 1782.

La Casa Vanvitelliana sul Lago Fusaro al tramonto

Scusate se esisto: trama, cast, attori e curiosità film in onda su Rai 1

Questa sera su Rai 1 andrà in onda il film Scusate se esisto, uscito nel 2014 e diretto dal regista Riccardo Milani. Scusate se esisto: trama La protagonista del...

La Real Casina sorge su un isolotto del lago Fusaro, e fu adibita ad attività di caccia e pesca.

Vanvitelli figlio, iniziò i lavoro consolidando, con delle grosse pietre, l’isolotto preesistente, che prima ospitava un antico rudere, che servivo come ripostiglio a degli strumenti di pesca.

La Casa Vanvitelliana ha una forma poligonale, con due livelli, corpi sporgenti e terrazzati su entrambi i lati. Nel 1799 fu coinvolta in qualche modo nella rivoluzione che portò alla nascita della repubblica partenopea, e infatti in quel periodo comparvero lì alcune opere d’arte come 4 grandi dipinti, raffiguranti le stagioni, di P. Hackert, e delle tele di seta direttamente dal possedimento borbonico di San Leucio, che entrarono a far parte dell’arredo interno dell’edificio.

Nel tempo, la Casina Reale ha avuto ospiti illustri: oltre ai sovrani Borbone ovviamente, anche altri re come l’imperatore d’Austria Francesco II, che la visitò nel 1819; furono ospiti anche i Zar di Russia, nel 1846, mentre fu visitata anche da Vittorio Emanuele III di Savoia, e dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi.

Per ulteriori notizie sulla Casina Vanvitelliana è possibile cliccare qui.