Riapertura scuole: orari, mense e cosa fare se c’è uno studente positivio

Il Governo ha stilato le principali regole per la riapertura delle scuole. Va da sé che il ritorno tra i banchi per gli alunni sarà molto complesso e difficile.

Per quanto riguarda gli orari, nella scuola primaria, il tempo scuola attuale: 40 ore settimanali (cinque giorni per otto ore giornaliere). Due docenti per ogni sezione, orario docente 25 ore con 10 ore di compresenza.

Secondo le linee guida – Moduli orari da 40 minuti (da attivare preferibilmente con 2 sezioni) – 37,5 moduli ogni docente (25 ore).

Simbolotto: ecco i simboli e i numeri estratti oggi 1 Ottobre

E' iniziato un nuovo mese, quello di ottobre, e continuano senza sosta le estrazioni di Simbolotto.Sapete cos’è Simbolotto? E’ il  nuovo concorso abbinato al...

Per la scuola secondaria il tempo attuale: 24 – 30 – 40 ore (Cinque giorni settimanali). Modello tempo pieno di 40 ore (pranzo a scuola), con due docenti per classe. Orario docente 22 ore con 4 ore di compresenza.

Secondo le linee guida – Moduli orari da 40 minuti (da attivare su un corso intero) – 33 moduli ogni docente.

Nessuna mensa scolastica sarà uguale all’altra, ma tutti i bambini mangeranno lo stesso cibo, tanto in refettorio quanto al banco.

Le opzioni più diffuse sono l’aumento dei turni in mensa, fino a tre, o la soluzione mista con alcuni bambini in refettorio e altri in classe.

Per evitare disagi probabilmente dal menù invernale spariranno le minestre e l’unica differenza riguarderà l’acqua: “In classe useremo le bottigliette di plastica, non c’è alternativa, mentre in mensa resteranno le brocche con un addetto dedicato”.

Secondo le notizie riportate da La Stampa, ecco cosa dovrebbe accadere in caso di contagio, in base a quanto previsto dai tecnici: con un alunno positivo tutta la classe va in quarantena per 14 giorni e, a discrezione della Asl, gli alunni vengono sottoposti al tampone. Test che a campione può essere esteso anche ai ragazzi delle altre classi. In caso di più contagi in uno stesso istituto la Asl potrà ordinarne la chiusura e far proseguire le lezioni a distanza.