Ravello: minacce a due coniugi armato di pistola, arrestato 57enne di Nocera

Aveva minacciato due coniugi di Ravello impugnando una pistola ed è finito in manette dopo che i carabinieri lo hanno trovato in possesso di armi comuni da sparo illegalmente detenute.

Si tratta di un 57enne originario di Tramonti, ma residente a Nocera Superiore, arrestato nella notte tra il 10 e l’11 settembre dai Carabinieri della stazione di Ravello, guidati dal capitano Umberto D’Angelantonio e dal maresciallo Procolo Chiocca, e dai colleghi dell’Arma di Nocera Superiore.

L’attività si è sviluppata a seguito della denuncia-querela sporta da una coppia di coniugi, i quali hanno riferito ai militari che dopo aver avuto una discussione con un loro conoscente per questioni di natura privata, al culmine della lite sarebbero stati minacciati con una pistola.

Chi è Carla Gozzi: età, carriera, moda, figli, vita privata e curiosità

Carla Gozzi è senza ombra di dubbio una delle conduttrici ed esperte di moda più apprezzate e ammirate del piccolo schermo.Con la sua competenza,...

Allarmati dalla vicenda occorsa, immediatamente i Carabinieri hanno proceduto ad una serie di perquisizioni nelle case di proprietà dell’indiziato, il quale, nonostante possessore di porto d’armi ad uso caccia, fin da subito è apparso notevolmente agitato.

Durante il controllo infatti sono emerse due armi da fuoco detenute in maniera illecita, ovvero un fucile calibro 12 ed una pistola tipo “revolver”, nonché centinaia di cartucce di vari calibri.

Vista la gravità del fatto, l’uomo è stato trasferito in caserma per la compilazione degli atti di rito e dopo aver contattato il pm di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore, è stato arrestato e condotto presso la propria abitazione in attesa del rito direttissimo.

Le armi e le munizioni, da sottoporre al ulteriori accertamenti, sono state sequestrate. Continua incessante l’attività del Carabinieri della Compagnia di Amalfi, guidati dal capitano Umberto D’Angelantonio, al fine di infrenare la risoluzione arbitraria delle proprie ragioni tra cittadini.