Raikkonen allo Smeraldo di Maranello: un casco per la «Ferrari» delle pizze / Foto e Video

Allo Smeraldo di Lello Apicella, tramontano doc ma ormai modenese d’adozione, non è un caso se quelli della casa di Maranello ci sono stati davvero tutti. Da Jean Todt al grande Michael Schumacher, da Mario Andretti a Montezemolo. Fino ad arrivare al gruppo che da qualche anno lavora all’evoluzione della nuova macchina. Piloti compresi.

Su tutti Kimi Raikkonen che dopo la sortita del maggio scorso, è tornato a far visita al tempio della pizza di Tramonti. Il luogo dove si può gustare la Ferrari delle pizze. E lo ha fatto nel primissimo pomeriggio di oggi per omaggiare il cavaliere Apicella del casco da corsa che Kimi ha indossato domenica nella sfortunata gara di Singapore.

Inaugurato il primo volo Napoli – Dubai. Ecco i costi del biglietto

Sono partiti ufficialmente i voli da Napoli a Dubai della compagnia area Flydubai.La compagnia aerea degli Emirati Arabi Uniti offrirà cinque voli a settimana...

«Della gara non ha parlato – rivela Lello – Mi ha dato il casco dopo avermelo autografato e io mi sono emozionato come un bambino. Lui mi ha abbracciato e mi ha detto che aveva già programmato di portarmelo. Meglio se era reduce da una vittoria ma è stato comunque emozionante per me perché non è da tutti una cosa del genere. Voglio condividere questo, con mio figlio Mattia e sua moglie che vivono in America, con tutta la mia famiglia, tutti i fans Ferrari e gli amici di Tramonti».

Kimi, che lì a poco avrebbe raggiunto la pista di Fiorano per effettuare una serie di test con il simulatore, stavolta ha rinunciato alla proverbiale «Ferrari delle pizze» realizzata con la ricetta di Tramonti. «Si è mantenuto leggero» rivela Lello che gli ha servito solo del prosciutto di Parma accompagnato da Parmigiano Reggiano ed un piatto di insalata.

Prima di lasciarlo andar via, il patron dello Smeraldo ha suggellato l’evento con un’immancabile foto ricordo scattata dinanzi al piccolo museo dedicato proprio al ruggito delle rosse e dove Lello conserva vecchi pneumatici da F1, scocche di alcuni modelli di Ferrari, foto ricordo e cimeli.

Qui si ostenta la passione di un indomabile ferrarista, capace nella sua vita ha cambiato ben 17 Ferrari (l’ultima una Testarossa prestata per la produzione della fiction su Enzo Ferrari interpretata da Sergio Castellitto e che nei giorni del 70esimo anniversario della casa di Maranello ha fatto bella mostra dinanzi all’entrata del locale), che non si è sottratto alla vocazione per l’arte della pizza.