Promozione dei borghi italiani: Furore e Conca sono nel progetto di Airbnb

Anche Furore e Conca sono nel piano nazionale Borghi Italiani (Italian Villages) lanciato dal noto portale alberghiero Airbnb. L’iniziativa di Airbnb è stata avviata nell’anno che il MiBACT dedica alla promozione dei borghi per farli conoscere dai cittadini di tutto il mondo, promuovendo così un turismo più sostenibile.

Il piano, patrocinato da ANCI, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, e sviluppato in collaborazione con il MiBACT, prevede la valorizzazione di oltre 40 borghi, diffusi in tutto il Paese, attraverso un ventaglio di progetti diversi.

Il piano è stato lanciato a Palermo alla presenza di uno dei fondatori di Airbnb, del Sindaco della città Leoluca Orlando, dei rappresentati del Ministero della Cultura e del Turismo e della comunità palermitana degli host che condividono casa su Airbnb. L’appuntamento è stato anche l’occasione per presentare, per la prima volta, uno studio sull’impatto dell’home sharing nell’Italia rurale, dei borghi e dei piccoli centri.

Sicuri sul sentiero 2018: in Costa d’Amalfi prevenzione incidenti a cura del Corpo Alpino

Anche quest’anno il Club Alpino Italiano e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico hanno organizzato tra i sentieri della Costa d'Amalfi la manifestazione...

Dall’incontro è emerso che nell’ultimo anno gli host residenti delle aree rurali (47 anni l’età media, il 52% donne) hanno guadagnato complessivamente quasi 80 milioni di Euro, ospitando oltre 540.000 viaggiatori attraverso i 30.000 annunci disponibili.

La durata media del soggiorno è stata di 5 notti, con 3 persone a comporre il gruppo medio. Il guadagno annuale dell’host tipico delle aree rurali è stato di 1.600 Euro, frutto in genere di 16 notti prenotate.

I tre borghi  di Lavenone in Lombardia, Civitacampomarano in Molise e Sambuca di Sicilia vedranno altrettanti spazi pubblici recuperati  entro la prima metà del 2018, grazie alla collaborazione fra Airbnb, la comunità locale, artisti e architetti, sul modello di quanto realizzato a inizio 2017 a Civita di Bagnoregio.

Venti borghi sono stati invece promossi a livello internazionale attraverso un nuovo sito dedicato che permette di mettere in contatto gli host di questi piccoli centri con i viaggiatori interessati a scoprire l’Italia meno conosciuta, condividendo casa con gli abitanti del posto. Tra questi venti comuni interessati per la regione Campania è stato scelto il borgo di Furore.

Altri venti borghi, tra cui la nostra Conca dei Marini, saranno invece nei prossimi mesi oggetto di promozione attraverso un piano di comunicazione dedicato, sui presidi social media di Airbnb, come il canale Instagram.