Prezzo del pane alle stelle, 13,6% in più rispetto allo scorso anno

In tutta Europa il prezzo del pane sale alle stelle, in Italia ben 13,6% in più rispetto allo scorso anno. Arriva l’allarme dell’Eurostat.

Secondo delle analisi dell’Ufficio statistico dell’Unione Europea, il prezzo del pane non è mai stato così alto in Europa. I dati parlano chiaro. Dalla nota dell’Eurostat si evince che ad agosto il prezzo è cresciuto mediamente nell’Unione europea del 18% rispetto allo stesso mese del 2021. Basti pensare che un anno prima l’aumento rilevato era solo del 3% rispetto al 2020.

Secondo l’Eurostat, tra le cause scatenanti di questi aumenti ci sono soprattutto le conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina. I due Paesi infatti sono grandi esportatori di cereali, grano, mais e semi oleosi.

Gli aumenti maggiori del costo del pane, nel periodo agosto 2021-agosto 2022, sono stati registrati in Ungheria (+66%) in Lituania (+33%), in Estonia e Slovacchia (+32%). Nel grafico, l’Italia si colloca al di sotto della media Ue.

Il Codacons ha lanciato un allarme simile per quanto riguarda l’Italia, dove nell’ultimo anno il prezzo del pane è cresciuto del 13,6%.

L’associazione infatti scrive in una nota: “La causa è ancora una volta da ricercarsi nel conflitto scoppiato in Ucraina e nella conseguente escalation dei costi delle materie prima, cui si associa nel nostro paese anche l’emergenza energia. Anche altri prodotti, tuttavia, risentono della guerra in corso: è il caso della pasta, i cui prezzi, in base agli ultimi dati Istat, sono aumentati in Italia del +25,8% ad agosto, mentre l’olio di semi registra un rincaro del +62,2% e la farina sale in media del +23%. Considerata la spesa annua delle famiglie, nel 2022 un nucleo di 4 persone si ritrova a spendere solo per pane e cereali ben 175 euro in più rispetto allo scorso anno, proprio a causa dei pesanti incrementi dei listini al dettaglio”.