Le controluminarie di Praiano: nel parco Cercole si accende “Il giardino che non c’è” / FOTO

Se a Salerno il pezzo forte delle luminarie è il “giardino incantato” della Villa Comunale, Praiano rilancia. E prendendo in prestito lo slogan coniato un ventennio fa dalla giornalista Katia Salvini per descrivere l’abitato sparso di Furore, apre a cittadini, turisti e visitatori in suo “Giardino che non c’è”. L’idea di dar vita a una sorta di controluminaria è venuta ai ragazzi del Forum dei Giovani che hanno abbellito i terrazzamenti dell’area verde con una serie di installazioni. L’iniziativa, che ha riscosso un grande successo in occasione dell’inaugurazione programmata per ieri sera, ha consentito di consegnare il parco Cercole ai cittadini ed ai visitatori in una veste natalizia, con luci, installazioni e decorazioni in tema. I numerosissimi cittadini e visitatori hanno potuto immergersi in un’atmosfera di gioia ed incanto, passeggiando tra i vari livelli del parco, abbelliti con entusiasmo ed impegno dai giovani di Praiano, che, ancora una volta, hanno dimostrato grandi capacità e spirito di squadra. “L’amministrazione comunale ringrazia di cuore i ragazzi per aver valorizzato un’area verde al centro del paese, donandole una luce nuova” hadetto il sindaco Giovanni Di Martino. L’iniziativa di abbellire e addobbare l’area verde di Praiano si inserisce nel cartellone di manifestazioni natalizie del Tradizionatale che proseguiranno venerdì 18 dicembre presso la Marina di Praia con la presentazione del Progetto di Recupero della Pesca attraverso le tipicità Locali. Ovvero la pesca del totano e la  coltura delle patate. Per l’occasione (ore 17) è prevista la proiezione del film “Notte di tempesta” del 1945 di Gianni Franciolini, girato a Marina di Praia con la partecipazione di comparse locali e alle 18.30 festa gastronomica “Totani e Patate alla praianese” con degustazione del piatto tipico praianese e di altre golose prelibatezze locali legate alla pesca del totano e coltura delle patate. Live music a cura di “Le note di Napoli ensamble”