Praiano, “I suoni degli Dei”: il 15 maggio “I Divergenti” – Baroque Revolution

Continua a Praiano la dodicesima edizione della manifestazione “I suoni degli Dei”.

Sono quattro gli appuntamenti in calendario ideati e realizzati dall’Associazione Pelagos, in collaborazione con il Comune di Praiano, nella splendida location del Sentiero degli Dei, che si alterneranno durante il mese di maggio.

Dopo l’appuntamento di mercoledì 8 maggio alle 10.30 con “Rint’oh-me” con Rocco Zaccagnigno alla fisarmonica e Alexandre Cerdà Belda alla tuba, il prossimo appuntamento è fissato per mercoledì 15 maggio sempre alle 10.30 al Sentiero degli Dei – Colle Serra con “I Divergenti” – Baroque Revolution. Si esibiranno Gioacchino Mansi all’euphonium e Vincenzo Scannapieco con l’ottavino sulle note di Marcello, Bach e Mozart.

Chi è marito Alessia Marcuzzi: Paolo Calabresi Marconi età, lavoro e vita privata

Paolo Calabresi Marconi è un famoso e conosciuto produttore televisivo anche perchè è il marito di Alessia Marcuzzi. Chi è marito Alessia Marcuzzi: Paolo Calabresi Marconi...

Si continua poi il 22 maggio alle 10.30 al Sentiero degli Dei – Li Cannati con “Enarmonici” con Simone Mingo al flauto e Sara Rispoli al violino. I due si esibirà con le musiche di Bach e Telemann. Infine il 29 maggio al Convento di Santa Maria a Castro/ San Domenico con “ArCordiones Duo” con Ezio Testa alla fisarmonica e Sergio Caggiano alla viola. Il programma prevede le musiche di Piazzolla, Bach, Galliano, Bacalov, Albeniz e Gardel.

“I suoni degli Dei” è un fantastico percorso di musica ed emozioni lungo un decennio: anni di incontri, panorami, colori, profumi, suoni della natura che si fondono con le note dei violini, del violoncello, della chitarra, del contrabbasso, della bandura, dell’arpa celtica, tutto ciò che di bello e buono riesce a offrire Praiano e più in generale la Costiera Amalfitana.

Una iniziativa che ha ottenuto apprezzamenti ed elogi anche dalla stampa internazionale, con servizi sul prestigioso New York Times e sulla rivista “Swide”. Unire l’arte della musica con i colori ed i profumi di questa terra crea un binomio vincente, che rende la manifestazione unica nel suo genere.

L’ingresso alla rassegna “I suoni degli Dei” è gratuito.