Positano: da luglio apre al pubblico la Villa Romana. L’annuncio del sottosegretario Cesaro

Il sottosuolo di Positano, scrigno di tesori risalente ad epoca romana, potrebbe riaprire presto. Anzi prestissimo. «Un tesoro archeologico perfettamente conservato e di enorme valore artistico, che entro la fine di luglio sarà musealizzato ed aperto ai visitatori» ha detto il sottosegretario ai Beni culturali Antimo Cesaro in visita ieri all’area archeologica sottostante la basilica di Santa Maria Assunta. Un’intensa giornata di visita agli scavi della villa romana nel corso della quale il sottosegretario è rimasto profondamente colpito dalla bellezza degli affreschi e dei reperti trovati.

«Questa è una grande occasione per Positano, ci abbiamo sempre creduto e abbiamo lottato perché questi capolavori siamo finalmente fruibili a tutti» ha detto il sindaco Michele De Lucia che ha accompagnato il sottosegretario nella visita al sottosuolo della storica chiesa, dove è stata scoperta una lussuosa villa romana sepolta dall’eruzione del 79 d.c., insieme col col soprintendente archeologico della Campania, Adele Campanelli.

«Data la sua estensione – ha detto Cesaro – rimane ancora molto da scavare per riportare alla luce altri ambienti della villa che si estendeva sotto gran parte del centro di Positano, fino alla spiaggia. Al sindaco ho ricordato – ha concluso Cesaro – che per finanziare la conclusione degli scavi potrà utilizzare lo strumento dell’Art Bonus, sfruttando anche l’enorme fascino turistico di Positano in grado di attrarre tanti potenziali mecenati, e al tempo stesso l’ho invitato a segnalare il progetto di recupero della villa all’iniziativa bellezza governo.it che mette a disposizione 150 milioni per ristrutturare o reinventare un bene culturale della collettività».

Meteo di fine ottobre con ondata di calore fuori stagione. Le previsioni

Dopo una piccola parentesi di maltempo sembra essere tornata l'estate al Sud Italia che in questi giorni sta vivendo giornate di sole e di...

«Ho potuto conoscere un uomo dotato di una grande sensibilità e preparazione. La nostra villa romana è una grande possibilità per Positano e noi non intendiamo sprecarla ma porteremo avanti questo lavoro, come abbiamo fatto fino ad ora», ha poi aggiunto il primo cittadino di Positano.