Posillipo, Napoli: Tutte le Info su Uno dei Quartieri Più Panoramici in Città

Il panorama sul Golfo di Napoli da Posillipo - foto anna.mariafabb

Posillipo è un quartiere di Napoli che dalla collina arriva fino al mare e separa il golfo di Napoli da quello di Pozzuoli.

Nata come villaggio di pescatori, è oggi zona di eleganti e storiche ville e parchi, offre ampie strade con una spettacolare panoramica sul golfo e discese a mare.

Ed è proprio sul lato marino che si trovano le bellezze da visitare, avendo l’impressione di essere in un piccolo posto turistico di mare e non in una grande, seppur meravigliosa, città.

Chi è Scintilla La sai l’ultima: età, fidanzata, carriera, vita privata e curiosità

Scintilla è senza ombra di dubbio uno dei comici più simpatici e amati del piccolo schermo.Il suo vero nome è Gianluca Fubelli e grazie alla sua...

La zona è certamente da girare per scoprirne le bellezze naturali più che artistiche e, sebbene non vi siano musei con stupende opere d’arte, qui è l’intero quartiere con i suoi panorami ad essere una meravigliosa ed inimitabile opera d’arte.

Posillipo, Napoli: Cosa Vedere e Come Arrivare nel Quartiere Partenopeo

Posillipo è il prolungamento a sud ovest di Chiaia, parte dalla zona di Mergellina (sul mare, alla fine del quartiere Chiaia) e sale sull’estremo della collina fino a Capo Posillipo.

In questo percorso si possono trovare diverse strade molto panoramiche.

Il suo nome deriva dal greco Pausilypon.

Questo termine letteralmente significa «tregua dal pericolo» o «che fa cessare il dolore».

Una denominazione legata al panorama sul litorale cittadino e sul golfo, veduta di cui si godeva anche duemila anni fa.

Posillipo figura già nelle fonti degli antichi Greci, i primi ad abitare il promontorio allora interamente ricoperto da rocce e alberi.

Posillipo: Cosa Vedere

Sono presenti rovine Romane vicino alle rive nonché in prossimità del punto più alto della collina.

E’ possibile vedere i resti delle aperture che ventilavano il tunnel che conduceva alla residenza di Publio Vedio Pollione.

Sono presenti anche i resti di un anfiteatro.

Con il termine dell’età antica la popolazione di Napoli si chiuse nella cinta fortificata e l’intera zona cadde in declino, del tutto preda delle invasioni barbariche e dell’incuria.

In età moderna, l’area rimase sostanzialmente sottosviluppata fino alla costruzione della via Posillipo tra il 1812 e il 1824.

La strada comincia al porto di Mergellina e si estende lungo la costa, quasi parallelamente alla riva

Sulla punta di capo Posillipo si trova il Parco sommerso di Gaiola, istituito nel 2002 congiuntamente dai Ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali, nelle acque che circondano gli isolotti della Gaiola.

Questo parco si estende dal porticciolo di Marechiaro alla Baia di Trentaremi, con finalità di protezione sia Archeologica che Ambientale.

Altro importante sito è la Villa Imperiale di Pausilypon, dove, tra uno dei panorami migliori del Golfo, è possibile ammirare anche i resti dell’imponente Teatro e di alcune sale di rappresentanza.

Un ulteriore motivo d’orgoglio è rappresentato dal singolare Mausoleo Schilizzi, uno dei migliori esempi italiani dello stile architettonico neoegizio, che ora assolve alla funzione di monumento ai caduti delle due guerre mondiali.

Posillipo: Come Arrivare

Potete arrivare alla collina del rione in questione sia con l’auto che con i mezzi pubblici.

In Auto

In macchina prendete la tangenziale di Napoli e uscite a Fuorigrotta, seguendo poi le indicazioni verso Posillipo.

Ci arriverete in 10 minuti.

Mezzi Pubblici

La linea 140 dei bus è quella da prendere per arrivare direttamente.

Ci vogliono una ventina di minuti.

In alternativa potete prendere la metro, linea 2, fino alla stazione di Mergellina.

Di lì vi trovate in via Posillipo, che collega Mergellina con capo Posillipo.

Ma la strada che è maggiormente consigliata per i turisti è via Petrarca, è quella infatti più panoramica sul Golfo di Napoli.